Please consider registering
Guest

Search

— Forum Scope —




— Match —





— Forum Options —





Minimum search word length is 3 characters - maximum search word length is 84 characters

Register Lost password?
sp_Feed sp_TopicIcon
Dolcenera
Avatar
marcop3
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9034
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
Nico89Rc
Utente DIAMANTE

Utenti -1
Forum Posts: 17768
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
42
10 marzo, 2019 - 10:17
sp_Permalink sp_Print

Sta benissimo con questo look

Avatar
marcop3
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9034
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
43
10 marzo, 2019 - 10:31
sp_Permalink sp_Print

Nico89Rc ha detto
Sta benissimo con questo look  

Anche secondo me, capelli lunghi tutta la vita. Vabbè io poi l'avevo adorata ai tempi di Dolcenera nel paese delle meraviglie, era stupenda con i capelli lunghi a Sanremo 2009 e bellissima nel video di Un dolce incantesimo. Fu una bella botta rivederla improvvisamente stravolta dal 2006 al 2009.

Poi però si taglia i capelli, come nel 2014, ed è figa uguale. Quindi facesse come le pare... lmao

Mirton

Fan di Sangiovanni (Amici20)

Fan di Angela Melillo (Isola15)

Utente
Forum Posts: 18107
Member Since:
10 agosto, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
44
10 marzo, 2019 - 13:17
sp_Permalink sp_Print

Una meraviglia

Mirton

Fan di Sangiovanni (Amici20)

Fan di Angela Melillo (Isola15)

Utente
Forum Posts: 18107
Member Since:
10 agosto, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
45
19 marzo, 2019 - 0:41
sp_Permalink sp_Print

Che bello sarebbe stato un ritorno di Manu come coach a TVOI (dopotutto è l'unico coach ad aver portato un proprio vincitore a Sanremo) proprio nell'anno in cui conduce Simona (Music Farm 2 feels)? smitten

Avatar
marcop3
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9034
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
Mirton

Fan di Sangiovanni (Amici20)

Fan di Angela Melillo (Isola15)

Utente
Forum Posts: 18107
Member Since:
10 agosto, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
47
24 marzo, 2019 - 13:50
sp_Permalink sp_Print

smitten

Avatar
marcop3
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9034
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
Nico89Rc
Utente DIAMANTE

Utenti -1
Forum Posts: 17768
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
49
30 marzo, 2019 - 15:49
sp_Permalink sp_Print

Ma "più forte" sta andando male? piango

Avatar
marcop3
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9034
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
50
30 marzo, 2019 - 16:57
sp_Permalink sp_Print

Nico89Rc ha detto
Ma "più forte" sta andando male? piango  

Perché le altre sono andate bene? lmao

Non va bene da Ci vediamo a casa. Questa la stanno passando poco pure le radio, ma pure con Un altro giorno sulla terra era stata abbandonata dopo le prime 2 settimane.

Nico89Rc
Utente DIAMANTE

Utenti -1
Forum Posts: 17768
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
51
30 marzo, 2019 - 19:33
sp_Permalink sp_Print

marcop3 ha detto

Perché le altre sono andate bene? lmao
Non va bene da Ci vediamo a casa. Questa la stanno passando poco pure le radio, ma pure con Un altro giorno sulla terra era stata abbandonata dopo le prime 2 settimane.  

Mannaggia,perchè il pezzo non è affatto male. Mi dispiace piango2

Avatar
marcop3
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9034
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
52
31 marzo, 2019 - 13:19
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

Nico89Rc ha detto

Mannaggia,perchè il pezzo non è affatto male. Mi dispiace piango2  

Ormai ci ho fatto l'abitudine, infatti non ho controllato più né iTunes né gli ascolti su Spotify né le radio, perché comunque è inutile. Ho anche la sensazione che non la vedremo più a Sanremo perché d'ora in poi verrà sempre scartata.

Avatar
marcop3
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9034
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
53
1 aprile, 2019 - 14:07
sp_Permalink sp_Print

Interessantissima questa intervista. Soprattutto la parte finale, nella quale si evince il fatto che lei sia ben conscia del fatto che questi continui cambi non abbiano fatto bene alla sua carriera.

 Partiamo dal principio: è noto che il tuo nome d’arte è il medesimo di una canzone di Fabrizio De André contenuta nel suo capolavoro Anime salve. Bene, Dolcenera è uno tra i pezzi tecnicamente e concettualmente più complessi della discografia di Faber: quali sono significato e motivazione di questa scelta?

La scelta del pezzo esprime diversi significati per me; primo tra tutti, la passione per l’anima cantautorale, per il filone cantautorale italiano che però io non intendo in maniera nostalgica. Un cantautorato, quindi, che possa essere contestualizzato in questo momento storico; secondo, per il contrasto insito nella parola, contrasto che mi sento addosso sia caratterialmente — perché non conosco il grigio, solo il bianco e il nero — e sia dal punto di vista delle esecuzioni e del mio modo d’interpretare, che è sempre fatto di chiaroscuri. Terza ragione, la presenza del pianoforte continuamente accanto a me, come elemento portante di tutta la mia vita, sia nella parte della scrittura, sia nella parte dell’esecuzione live. 

– Venendo proprio alla tua scrittura, un aspetto che è particolarmente rilevante è rappresentato dal modo nel quale ritrai la donna: il raccontare è sempre dal suo punto di vista, ma il quadro che viene fuori è tutt’altro che stereotipato. Ci sono fragilità, tenacia, sensualità, passione, gioia, lacrime. Niente fanciulle indifese né invincibili. Chi sono, allora, queste donne? E quanto c’è di te in esse?

Che bella domanda! Sei la prima che mi fa una domanda di questo tipo! La donna che racconto un po’ me la dipingo addosso, quindi un po’ sono io e un po’ è ciò che vorrei essere. Il mio ideale è quello di una donna che conserva tutta la sua femminilità, ma ha anche forti tratti mascolini: indipendente, con aspirazioni lavorative, che riesce a dare il giusto valore all’amore ma anche alla realizzazione di se stessa. Una donna che riesce a fare gruppo: molto spesso le protagoniste delle mie canzoni si esprimono alla prima persona plurale, con il “noi” e non con l’ “io”, e mi si dice che il noi è più maschile. Invece no. Anche noi sappiamo e dobbiamo sostenerci a vicenda.

– Proprio in virtù di questa grande attenzione che hai sempre dimostrato nei confronti delle donne e, in generale, dei diritti di chi troppo spesso li vede messi a rischio, qual è secondo te in un momento storico e politico così delicato il più grave errore che si commette nel raccontare l’universo femminile nel mondo della musica?

Una cosa che arriva dal mondo trap, per esempio, è il definire la donna una prostituta e solo in quel modo. E quando la donna viene invece elevata a concubina, è solo per un desiderio maschile. Quindi la visione della donna nel mondo trap è purtroppo misera. Non so quanto i ragazzi ci credano: mi auguro che immaginino sia solo uno stereotipo di linguaggio. Ma l’altro aspetto che non mi piace è il rovescio della medaglia, cioè quando si vuol far credere alla donna che l’uomo è disperato per lei, e questo di solito invece lo fanno i cantautori quando vogliono intenerire raccontando immagini di un uomo che si strugge per amore. Non è poi così realistico, diciamocelo.

 – Parlando dell’aspetto musicale dei tuoi lavori, l’impressione che si ha è che il pentagramma sia il tuo parco giochi preferito: tante contaminazioni sia geografiche che tecniche, spaziando dall’elettronica, al rock, alle ballad. Come si è evoluto nel tempo il tuo modo di comporre e da dove provengono le suggestioni che rielabori modellandole sulle parole o viceversa?

La scelta dei mondi da toccare quando crei un nuovo album, un nuovo progetto, avviene proprio nell’ambito di un parco giochi grande quanto l’intero pianeta, perché qualsiasi angolo del pianeta può ispirarti un nuovo universo da scoprire. Personalmente, reputo la musica un territorio che puoi studiare per una vita senza arrivare a saperne nulla; perciò l’ispirazione ha bisogno di tempo… e io non sono una che fa le cose in fretta: ha bisogno di tempo quando avverti forte il bisogno di rinnovarti e di non correre il rischio di presentare progetti che si differenziano tra loro solo per qualche piccolo fattore. E quel tempo serve ad alimentare te stesso con letture, viaggi, incontri, esperienze che pian piano formano un quadro nuovo nella tua testa. La speranza alla fine di ogni progetto è che lo formino in maniera veloce, per avere già subito idea di cosa fare di nuovo in seguito. Per quanto riguarda questo album, ho vagato un po’ dalla fine del 2016, quando ho finito la promozione de Le stelle non tremano – Supernovae: continuavo a scrivere, ma non mi piaceva nulla e allora ho smesso. Sono così: passo dei periodi più o meno lunghi durante i quali non scrivo niente perché sento di non avere più nulla di nuovo da dire. Ma poi ho iniziato a leggere dei testi  — per esempio, Donne che corrono coi lupi, di questa psicanalista, Clarissa Pinkola Estés, specializzata in tribù, che parla di come la donna deve recuperare la sua anima selvaggia dopo anni e anni di pseudociviltà che l’hanno ridotta a essere fragile costantemente da proteggere; lei dice che l’animale più simile alla donna è la lupa: sta in gruppo e fa branco, è cacciatrice e procura il cibo, è madre. La donna deve ricordarsi che è stata tutto questo fino a quando dei filoni culturali non l’hanno ridotta a un soggetto debole e sottomesso — e queste letture che richiamano al primordiale, sommate al viaggio che ho fatto in terre che mi hanno influenzata molto come Miami, Cuba e Brasile, e agli ascolti di musica di Nina Simone e di afro trap francese, due mondi opposti, dentro di me hanno trovato un’unione mettendo insieme il pianoforte che doveva essere preponderante e le percussioni del Sud del mondo a identificare un’anima universalmente meridionale, ancestrale. Siccome in questo viaggio, poi, son passata anche per Los Angeles e San Francisco, è come se avessi guardato le Terre del Sud dal Nord, il che mi ha portata a utilizzare fiati e sintetizzatori in una maniera totalmente differente. Tutto un po’ strano (ride).

– Hai sempre dimostrato di non avere timori reverenziali né particolari remore quando si è trattato di reinterpretare filtrandoli attraverso la tua sensibilità e le tue attitudini pezzi scritti da altri autori: come selezioni i brani da rileggere?

Il mio rapporto con le cover è un po’ strano, perché prima di diventare Dolcenera non è che ne abbia eseguite poi tante, dal momento che già scrivevo e componevo musica. Non mi piaceva risuonare i pezzi degli altri, a parte alcuni. E questi “alcuni” nell’ambito della musica pop erano (e sono) di solito pezzi che hanno in sé qualcosa di apocalittico, una atmosfera di rivelazione. Quando con le cover band facevo Heroes di David Bowie, quel tipo di apocalittico per me era esaltante, così come è rivelazione Sei bellissima di Loredana Berté, perché quel ritornello è scritto, sia musicalmente, che testualmente, come una apertura e un concetto potenti. Ecco, di solito è proprio la potenza espressiva delle canzoni ad attirarmi. Se non fosse per l’esperimento sociale che ho condotto pochi mesi fa, con il quale la potenza non c’entrava nulla perché ad attirarmi è stato proprio l’esperimento in sé: Dolcenera che reinterpreta la trap.

– Era proprio la domanda che ti avrei fatto successivamente: che cosa ti ha avvicinata a questo universo?

Come ti dicevo, proprio un esperimento sociale nel quale io fungevo da specchio della realtà e reinterpretavo mettendo a nudo i pezzi, suonandoli al piano unplugged, con serietà e sincerità. Chiaramente, a momenti ne veniva fuori una versione dignitosa, a  momenti si verificava quello che io definisco “crash di sistema” , in cui il testo proprio non si presta a vestire questi abiti seri e sinceri. L’apice del crash totale del sistema lo abbiamo raggiunto con Young Signorino: la follia di suonarci sopra il preludio in DO minore di Bach.

– La difficoltà più grande che hai incontrato è stata dunque il rendere con veridicità questi pezzi in una chiave del tutto diversa?

In realtà io lasciavo andare l’interpretazione: dove il testo riusciva a reggere una interpretazione seria, bene; dove appunto si verificava il crash del sistema, beh, lasciavo andare anche quello. Più che altro, spesso è stato difficile provare a reinterpretare dei pezzi musicalmente monocordi al piano che è invece uno strumento che necessita di variazioni: la maggior parte di essi erano non rileggibili proprio perché costruiti sullo stesso giro di accordi.

– Quindi ti sei sostanzialmente ritrovata non a rileggerli, ma a riscriverli…

Esatto: infatti talvolta cambiavo gli accordi tentando di renderli più vivi, perché quella tipologia di arrangiamenti crea una sorta di ipnosi. Una ipnosi che ha senso solo quando gli accordi scompaiono all’interno dell’esecuzione: quando si tratta di portarli alla luce, l’unica cosa da fare è riscriverli, come nel caso del pezzo di Young Signorino. Lì gli accordi non ci sono mica! (ride)

– L’altro tuo EP, Dolcenera canta il cinema, pubblicato nel 2006, è stato il primo prodotto di una passione che in seguito hai manifestato interpretando tu stessa due ruoli e scrivendo e traducendo pezzi per colonne sonore. Come descriveresti il tuo rapporto con la Settima Arte e cosa la avvicina e l’allontana dalla musica, alla quale è da sempre così strettamente legata?

Ciò che allontana il cinema dalla musica sono le grandi difficoltà produttive in un’epoca nella quale tanti settori sono in crisi, il che porta ad appiccicare forzatamente una canzone a un film solo per risparmiare. Come spesso accade, in periodi di crisi i primi comparti a risentirne sono quelli artistici, perché ritenuti non il pane quotidiano, ma “solo” il pane quotidiano dell’anima. Ciò che invece lega cinema e musica è l’emozione, ed è in entrambe le forme d’arte imprescindibile. Infatti, quando ho fatto l’attrice, quello che mi mancava moltissimo per alimentare la mia aspirazione era la colonna sonora: dentro di me pensavo “ma perché non mi mettono una musica in sottofondo?”, mi sembrava impossibile poter girare senza musica. Una stampella emotiva senza la quale mi sentivo muta. La bravura degli attori veri credo risieda proprio nel riuscire a creare l’atmosfera senza note.

– Una esperienza che ti piacerebbe ripetere in futuro, quella sul set?

Solo se cambio orologio biologico, perché io vado a dormire alle quattro e per i tempi del cinema alle quattro s’inizia a girare! (ride)

– Un piccolo salto nel passato: tu hai preso parte a un talent avendo già conquistato una prestigiosa vittoria al Festival di Sanremo. Cosa credi che questo genere di esperienza possa togliere e possa dare a chi invece si ritrova a viverla senza una solida gavetta alle spalle?

Ciò che credo venga dato loro è una possibilità espressiva che spesso non viene più concessa dalle case discografiche, essendo praticamente scomparso il talent scouting. Ciò che viene tolto, invece, è la formazione psicologica (e il prezzo che in seguito ci si ritrova a pagare può essere molto elevato), ma anche la forza di reggere questo genere di emozioni: il nostro mestiere ci porta a essere sulla bocca di tutti e chiunque si sente in diritto di esprimere un giudizio. Viene così meno anche la capacità di diventare oculato nella scelta dei collaboratori, perché la giovane età e la mancanza di esperienza ti rendono il soggetto ideale al quale buttar fumo negli occhi, e si finisce spesso incastrati in un personaggio che non ci corrisponde, finendo per compromettere la propria serenità anche nella sfera personale. Questo vale per chi ce la fa, poi, a intraprendere una carriera: chi non ce la fa, rischia di soffrirne per tutta la vita. E ancora peggiore è la situazione di chi sembra avercela fatta e poi si ritrova costretto ad arrendersi.

– Veniamo a Più forte: di quale progetto rappresenta il primo passo?

L’album verrà pubblicato in autunno e sarà gioioso, pieno di sentimenti positivi. Un album nel quale tutte le canzoni esprimeranno libertà, anche nelle scelte artistiche, e il desiderio di cercare modi nuovi di comunicare. Si sentirà una personalità dall’entusiasmo ancora da bambina, e Più forte incarna in pieno ciò che intendo: la maniera espressiva, vocale, è di una donna; è serio il modo nel quale canto le strofe, il ritornello. La parte più bambinesca, invece, è nella ricerca dei suoni, nell’energia, nei synth e nei fiati che comandano nel ritornello, accostamento particolare. C’è una voglia di liberazione, di pensar positivo anche in un momento sociale e politico nel quale tanti credono di aver trovato una stabilità che io invece vedo lontanissima. “No te preocupes de nada, mi vida”, frase dello special del pezzo, è proprio un “quanto vorrei dire così”…

– Un forte desiderio di speranza, dunque.

Più che di speranza, di continuare a pensare in maniera positiva, perché la speranza io la vedo in una chiave più negativa, come se rappresentasse l’attesa che qualcun altro risolva i tuoi problemi. Invece il pensar positivo è propositivo.

– Un’ultima domanda: ci hai abituati a un costante rimetterti in gioco, anche dal punto di vista estetico, rifiutando categoricamente il comodo trincerasi nella proverbiale comfort zone. Chi è oggi Dolcenera e dove sta andando?

In effetti vengo criticata costantemente dai miei amici più cari, che mi chiedono perché non sia mai riuscita a ritagliarmi quella comfort zone, garantendomi così un percorso anche più tranquillo, più sereno. (ride) Ma io ho un problema da questo punto di vista e quel problema è lo studio, il desiderio di imparare continuamente cose nuove e di avvertirmi costantemente diversa, costantemente in crescita. Persino la frangetta non riesco a mantenerla uguale di mese in mese! (ride) Mi sento non conclusa, incompleta, convinta di poter e di dover dare sempre di più. Quello che mi sbalordisce ulteriormente è che nei momenti di maggior successo della mia carriera, non poteva essere quella, la mia comfort zone? No! Ho ripudiato tutte le sicurezze e sono ripartita da zero, sempre puntando a un futuro diverso. Mah. (ride) L’anima cantautorale, le parole, la visione di vita, i valori che esprimo, però, restano i miei, solidi. Nonostante la comunicazione che cambia, che a tratti si velocizza, a tratti si imbruttisce, a tratti rifiuta la poesia, io non ci sto. E il mio cuore rimane invariato.

Fonte: Spettakolo

Waves of Music
Utente DIAMANTE

Utente
Forum Posts: 16790
Member Since:
24 agosto, 2015
sp_UserOfflineSmall Offline
54
1 aprile, 2019 - 15:55
sp_Permalink sp_Print

heart

E' un'artista, poco da fare.

Speravo l'album uscisse in primavera, confesso...invece ancora 5/6 mesi...

Avatar
marcop3
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9034
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
55
5 maggio, 2019 - 13:53
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

Giusto per capire quanto sia mal gestita, voi lo sapevate che settimana scorsa aveva due ospitate televisive? No, zero annunci. 2 minuti prima ha cominciato a fare storie su Instagram.

E' andata prima dalla Balivo

https://www.instagram.com/p/BwXFXZ0Bab3/?utm_source=ig_web_copy_link

https://www.instagram.com/p/BwXQzjLH80R/?utm_source=ig_web_copy_link

E poi dalla Guaccero

https://www.instagram.com/p/Bw64V0tADLl/?utm_source=ig_web_copy_link

https://www.instagram.com/p/Bw64FKOA63M/?utm_source=ig_web_copy_link

Ad ogni modo, presto in onda su VH1, un suo live a Milano

https://www.instagram.com/p/Bw94ecwnyMu/?utm_source=ig_web_copy_link

Waves of Music
Utente DIAMANTE

Utente
Forum Posts: 16790
Member Since:
24 agosto, 2015
sp_UserOfflineSmall Offline
56
5 maggio, 2019 - 14:32
sp_Permalink sp_Print

@marcop3 Hai visto le interviste? Ha detto qualcosa sul nuovo progetto?

Avatar
marcop3
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9034
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
57
5 maggio, 2019 - 16:12
sp_Permalink sp_Print

Waves of Music ha detto
@marcop3 Hai visto le interviste? Ha detto qualcosa sul nuovo progetto?  

Ho visto solo quella dalla Balivo. Avevo beccato per caso le sue storie prima che cominciasse il programma. Dalla Guaccero invece me la sono persa, ho visto solo un video in cui provava tipo un cappello.

Dalla Balivo nulla sul nuovo progetto. Era un'intervista generale sulla sua carriera e sulla sua vita, ha parlato di quando giocava a tennis e dell'incidente che aveva avuto che non le permise più di farlo a livello professionale e della passione nata dopo per il pianoforte e per la musica. Poi ha parlato di Music Farm e del momento di depressione dopo il programma e della relazione col fidanzato. Hanno solo fatto sentire Più forte.

Waves of Music
Utente DIAMANTE

Utente
Forum Posts: 16790
Member Since:
24 agosto, 2015
sp_UserOfflineSmall Offline
Alessandra92
milano
Utente 4xP

Utente
Forum Posts: 4128
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
59
6 maggio, 2019 - 17:46
sp_Permalink sp_Print

Waves of Music ha detto
https://www.instagram.com/p/BxH2bflni4q/  

Parole meravigliose, sono sempre più fiera di lei. Una carriera ineccepibile clap2

xello
Napoli

Game Ranking Winner 2017/2018

Fan di Raffaele (Amici20)

Utenti +1
Forum Posts: 21850
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
60
6 maggio, 2019 - 19:38
sp_Permalink sp_Print

E chi se lo scorda quel giorno heart

Per me resta la miglior vittoria in un talent show!

Forum Timezone: Europe/Rome

Most Users Ever Online: 2564

Currently Online: Alex87, sadida83, Sushi, Gen931, Scio16, Emm, JoJo, vincy, monechiapi, Mavro, Olimpico85, Capo Horn, Mirton, DIEL87, Targaryen, Toppetta, Gegia Hadid, Davidex, MinimalFuture, KOWALSKI, rickyyg98, Plasma, Gabbo, Nea, gridracedriver, lukeyyy, Jaguar, Roberto
292 Guest(s)

Currently Browsing this Page:
1 Guest(s)

Members Birthdays
sp_BirthdayIcon
Today: None
Upcoming: BertoBarto, Juventino95, Delos

Top Posters:

Olimpico85: 28858

pesca: 25369

pazzoreality: 24093

Teolino: 22629

xello: 21850

Newest Members:

Roberto

Antonella

dam

Kirti Ahuja

Gabriella

Forum Stats:

Groups: 6

Forums: 146

Topics: 20279

Posts: 1058001

 

Member Stats:

Guest Posters: 7

Members: 17982

Moderators: 9

Admins: 3

Administrators: RealityHouse, Alex87, mariomatt

Moderators: sadida83, EvilxElf, Fob92, BertoBarto, Latinista, Alby, amers, monechiapi, Capo Horn

    

Reality House non rappresenta una testata e non è affiliato né collegato ai produttori, reti e programmi televisivi che sono oggetto di discussione sulle sue pagine.

Tutti i marchi, loghi e immagini utilizzati su Reality House sono protetti da copyright dei rispettivi proprietari. Se ritieni che un contenuto debba essere rimosso, ti preghiamo di contattarci.

© 2004-2020 Reality House

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account