Search

— Forum Scope —




— Match —





— Forum Options —





Minimum search word length is 3 characters - maximum search word length is 84 characters

Lost password?
sp_Feed sp_TopicIcon
Stati d'animo 2 -RIPESCAGGIO in corso
Waves of Music

Utente DIAMANTE
Utente
Forum Posts: 11878
Member Since:
24 agosto, 2015
sp_UserOfflineSmall Offline
81
9 settembre, 2019 - 23:20
sp_Permalink sp_Print

Non riesco a seguire molto causa studio ma come sempre è divertente (in senso buono) vedere come ognuno abbia percezioni molto personali circa le emozioni. Ce ne sono alcune molto belle (a cui penso darò i miei bonus) che però non lego all'emozione a cui sono state legate dall'utente che le ha scelte.

Casadelvino

Utente 3xP
Utente
Forum Posts: 3701
Member Since:
5 febbraio, 2018
sp_UserOnlineSmall Online
82
10 settembre, 2019 - 9:44
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

RISULTATI CARICA

Stesso meccanismo dell'ultima  volta:)

Agli ultimi 3 posti per girone...

Girone A:

Can't stop - RHCP
Europe - Final Countdown
Always remember us this way - Lady Gaga

Girone B:

 

Comunque Andare Amoroso
breathless - corrs
Soldi - Mahmood

Girone C:

 

Sonria - J Clement feat El 3mendo
Libertè - Bertè
Vivere a colori - Amoroso

Casadelvino

Utente 3xP
Utente
Forum Posts: 3701
Member Since:
5 febbraio, 2018
sp_UserOnlineSmall Online
83
10 settembre, 2019 - 9:49
sp_Permalink sp_Print

A un passo dal podio:

Girone A:

 

Try - Pink
Natural - Imagine Dragons

Girone B:

 

Ain't Got No, I Got Life - Nina Simone
Heroes Bowie

Girone C:

Florence and The Machine, All this and Heaven too
Penso positivo -Jovanotti

Casadelvino

Utente 3xP
Utente
Forum Posts: 3701
Member Since:
5 febbraio, 2018
sp_UserOnlineSmall Online
84
10 settembre, 2019 - 9:51
sp_Permalink sp_Print

Si qualificano:

 

gTcauhp.jpg

(Quindi Eminem-Clare-Elvis sono arrivati terzi 🙁 )

Complimenti ai qualificaticlap2clap2clap2

Contenti dei risultati? laugh

Alby

Utente 2xP
Utente
Forum Posts: 2553
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
85
10 settembre, 2019 - 10:39
sp_Permalink sp_Print

Le qualificate ci stanno abbastanza, soltanto una forse, per quanto bella, ho fatto un po' fatica a collegare alla carica.

Mi dispiace in particolare per alcuni brani rimasti fuori (un mio bonus e la mia prima classificata sono arrivate terze nei rispettivi gironi piango, ma l'altro mio bonus si è qualificato party). 

Sophia

Utente 4xP
Utente
Forum Posts: 4003
Member Since:
20 novembre, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
86
10 settembre, 2019 - 11:45
sp_Permalink sp_Print

Pensavo di floppare pesantemente e invece me la sono cavata. Nel mio girone sono passate la mia seconda e la terza, quindi bene così clap

NotturnoManto

Utente PLATINO
Utente
Forum Posts: 1108
Member Since:
7 ottobre, 2018
sp_UserOfflineSmall Offline
87
10 settembre, 2019 - 12:06
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

Di questa categoria, ho apprezzate soprattutto due brani: uno è passato, l'altro è Sonria jamming  non lo conoscevo ma da due giorni non posso più farne a meno, ogni tanto devo interrompere le mie attività per ascoltarlo, e la storia dell'acquagym mi ha ammazzato lmao  venerdì ho un esame, sono certo che saprà infondermi la carica necessaria talpa

pesca

Utente DIAMANTE
Utente
Forum Posts: 19361
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
88
10 settembre, 2019 - 13:23
sp_Permalink sp_Print

Meritatissimo il passaggio dei Queen e di Keala, il resto non rientra nelle mie preferenze, ma complimenti a chi è passato

Francofranco

Utente PLATINO
Utente
Forum Posts: 1337
Member Since:
14 febbraio, 2017
sp_UserOnlineSmall Online
89
10 settembre, 2019 - 13:28
sp_Permalink sp_Print

È passata la mia preferita per ogni girone clap

Per quanto riguarda gli imagine dragons avrei preferito il passaggio di natural rispetto a radioactive, in generale preferisco la seconda ma la prima l'ho trovata più calzante rispetto allo stato d'animo in questione 

Alby

Utente 2xP
Utente
Forum Posts: 2553
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
90
10 settembre, 2019 - 18:52
sp_Permalink sp_Print

Difficilissimo scegliere per i gironi di Serenità plsnot

In un girone ero convinto che se la giocassero due canzoni in particolare, che conosco bene e che rappresentano un po' i mondi musicali che amo di più. Alla fine, però, c'è stata una canzone che non conoscevo che si è inserita di prepotenza e che alla fine ha avuto il mio bonus. 

Nell'altro girone non mio sono stato l'indecisione, con almeno quattro canzoni che mi hanno colpito moltissimo. C'è una canzone la cui giustificazione si avvicina più di tutte alla mia concezione dello stato d'animo. Allo stesso tempo, però, due di queste all'ascolto hanno fatto particolarmente breccia e tra queste ho scelto con grande difficoltà. Avrei preferito fossero nel mio girone, in modo da dare punti ad entrambe e non soltanto ad una. 

Anche il mio girone è stato molto difficile. Tutte canzoni molto belle, ma alcune più efficaci nel trasmettermi l'idea di serenità, mentre altre un po' meno nonostante la loro bellezza. 

NotturnoManto

Utente PLATINO
Utente
Forum Posts: 1108
Member Since:
7 ottobre, 2018
sp_UserOfflineSmall Offline
91
10 settembre, 2019 - 20:46
sp_Permalink sp_Print

Io ho avuto un po' di difficoltà per uno dei due gironi, nel senso che comprendeva canzoni belle e presentazioni convincenti... per l'altro ho avuto le idee più decise ma solo perché in generale il livello non mi ha entusiasmato.

Il mio girone mi è piaciuto molto, due canzoni hanno combattuto per il primo posto smitten e anche una terza canzone è stata una piacevole scoperta.

Casadelvino

Utente 3xP
Utente
Forum Posts: 3701
Member Since:
5 febbraio, 2018
sp_UserOnlineSmall Online
92
11 settembre, 2019 - 9:33
sp_Permalink sp_Print

Buongiorno a tutti, avviso che la prossima categoria sarà PROTESTA, quindi per chi volesse mandare le giustificazioni, entro domani ore 13 🙂

@NotturnoManto @Francofranco @cionfy @Alby @sparso @Edre @Alex8806 @xello @MANTV71 @bilirubina @alessandrino @edorf @Sophia @Waves of Music @Signorina Silvani @monechiapi @Emm @Massiveattack @Lu11 @drugo92 @pesca @Vesuvius21 @giovy95 @Danieletw

alessandrino

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5020
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
93
11 settembre, 2019 - 11:02
sp_Permalink sp_Print

Devo dire che, in qualche modo, tutte le 24 canzoni mi hanno restituito l'idea di serenità. Alcune sono più immediate, altre meno, ma le ho trovate tutte abbastanza centrate, tant'è che mi sono preso più tempo per votare e ho cambiato voto in continuazione (tranne che per un bonus, per il quale sono stato convinto appena ho letto il brano nell'elenco).

Sinceramente non so se ci siano delle canzoni avvantaggiate rispetto ad altre per questo stato d'animo quindi mi aspetto dei risultati in qualche modo sorprendenti excited

Casadelvino

Utente 3xP
Utente
Forum Posts: 3701
Member Since:
5 febbraio, 2018
sp_UserOnlineSmall Online
94
12 settembre, 2019 - 9:46
sp_Permalink sp_Print

Buongiorno! Mi mancano ancora i voti di @Alex8806 @Lu11 @giovy95 @Danieletw , entro le 13 altrimenti dovrete incorrere in un malus 🙁

Stesso termine anche per le giustificazioni chi non ha ancora mandato e vorrebbe farlo:)

Danieletw

Utente PLATINO
Utente
Forum Posts: 1267
Member Since:
20 maggio, 2018
sp_UserOnlineSmall Online
95
12 settembre, 2019 - 12:45
sp_Permalink sp_Print

Ragazzi, mi avete fatto scoprire canzoni bellissime. Ho visto che ci sono state diverse interpretazioni del tema. Al di là di averle trovate più o meno coerenti con la mia idea di "Serenità" me le segno tutte e le riascolto ben volentieri. Grazie. clap

Casadelvino

Utente 3xP
Utente
Forum Posts: 3701
Member Since:
5 febbraio, 2018
sp_UserOnlineSmall Online
96
12 settembre, 2019 - 14:16
sp_Permalink sp_Print

PROTESTA

Sarete divisi in 3 gironi, passeranno le prime due per girone.

Voi siete obbligati a votare il girone in cui siete  classificando tutte le canzoni tranne la vostra. (i punteggi attribuiti sono nella pagina iniziale).

Se volete, potete anche indicare il vostro preferito di ognuno degli altri due gironi, a cui assegnerete un bonus di 5 pt. Facoltativo.

Per rendere la gara equa/imprevedibile , i gironi sono stati divisi in base alle views sul tubo.

Avete tempo fino al 14/9 alle ore 19. 

Cliccare sull'immagine per la playlist su yt. Sotto le playlist spotify.

Girone A
ZihwYWn.jpg

Girone B
gV1huRi.jpg

 

Girone C
8h47M0F.jpg

Casadelvino

Utente 3xP
Utente
Forum Posts: 3701
Member Since:
5 febbraio, 2018
sp_UserOnlineSmall Online
97
12 settembre, 2019 - 14:19
sp_Permalink sp_Print

Giustificazioni Protesta

A:

 

Zombie - Cranberries
Imagine - John Lennon
ANother brick in the wall - Pink floyd

"Per protesta ho scelto un brano storico dei miei amati Pink Floyd. Li ho sempre considerati dei visionari, ma al contempo estremamente realisti e precursori. Già nel 1979 avevano percepito il degrado della società e hanno opposto un secco rifiuto al controllo mentale, quel controllo mentale che oggi, 40 anni dopo, è il più grande nemico della libertà di pensiero. Siamo controllati, siamo numeri, siamo topi dietro a squallidi pifferai, siamo in balia di fake news, di imbonitori, di influencer, di video, di notizie, di falsità, di APP che vorrebbero indirizzarci la vita. Il nostro mondo è dentro il telefonino, guardiamo verso il basso e ci scordiamo che sopra di noi c'è il cielo.
We don't need no thought control."

same Love di Macklemore e Ryan Lewis
The don't care about us- Michael jackson

Ho scelto questa canzone poichè in essa si può trovare e sentire tutto il potere che la musica riesce a esprimere quando cerca di trattare temi di protesta sociale.

“They don’t care about us”, che si presenta musicalmente con una cadenza tipicamente militaresca, è un chiarissimo attacco alla repressione governativa ed eseguita dalla polizia, soprattutto su quella di stampo razziale subita dai neri e da altre minoranze etniche.

In questa canzone jackson esprime la sua rabbia , la sua indignazione ,il suo disgusto ,verso una società corrotta ,priva di valori ,in cui lui non si identifica, non è un caso che nella canzone cita Frank Roosevelt e Martin Luther King , che cultura e storia americana rappresentano simboli di speranza e lotta per la libertà.

Jackson vouole invitare il suo pubblico a cambiare atteggiamento affinché ci fosse pari uguaglianza, diritti e dignità sociale-morale ed economica per tutti quanti. Sottolinea che è "Stufo di Essere la Vittima dell’Odio e Vergogna ,si domanda se i suoi Diritti sono ancora Garantiti.";  si immedesima in tutte quelle persone che nel mondo subiscono soprusi come appunto i neri e gli ebrei. Il messaggio è "trattami come ti pare, da bianco, nero o ebreo, io vado oltre tutto questo" .

Contro la canzone fu scatenata anche una campagna diffamatoria alquanto bizzarra, nella quale l'artista fu accusato di razzismo.
In una strofa la canzone dice:

Jew me, sue me, everybody do me
Kick me, kike me, don’t you black or white me.

Il testo fu volutamente travisato, dato che quel “Jew me” (“Dammi dell’ebreo”) e il “Kike me” (termine dispregiativo per riferirsi a un ebreo), è un elencare alcuni degli stereotipi classici del razzismo e dell’intolleranza; un’inutile polemica.

Nonostante il suo personaggio fortemente controverso non si può dire che il re del pop non abbia mai affrontato tematiche sensibili e combattuto per ideali di uguaglianza e giustizia. 

Take me to church- Hozier
Moriro da re – Maneskin

I Maneskin col brano ‘’ MORIRO' DA RE’’  parlano di redenzione e protesta . Dal male può nascere del bene. Può nascere del buono credendo in se stessi e non arrendendosi mai. Con la loro, giudicata male, arroganza vogliono mandare un chiaro messaggio alla nostra generazione: ‘’siate sicuri di voi stessi".È un pezzo che dimostra che la musica è sempre al centro di tutto e le chiacchiere stanno a zero.

Blowin' in the wind- Bob Dylan

Siamo nel 1963: gli Stati Uniti sono in guerra contro il Vietnam e Bob Dylan scrive una canzone, una poesia, che parla dei diritti civili e degli orrori della guerra. Il brano è costruito su una serie di domande, le cui risposte, come recita il titolo, volano nel vento. Il cantante poeta sembra che osservi tutto dall’alto. La sua è una canzone sulla guerra e sulle vittime che non riusciranno mai a dimenticare il dolore e la violenza.

Abbasso la guerra, sempre.

 

B:

 

 

L'amore merita (Spiri, Manuzi, Zangaro e Pompa)
Patti Smith - People Have The Power

Ho pensato immediatamente a "People Have The Power" della sacerdotessa del rock, Patti Smith, per questa categoria.

Mi riporta indietro agli anni del liceo perchè in quinta liceo mi era capitato di dover fare un compito sull'impegno politico di Patti Smith. Oltre al fatto che io e il mio giro di amicizie avevamo determinati ideali politici ed eravamo decisamente in minoranza ma non ci siamo mai fatti mettere i piedi in testa da nessuno!!!

Mi ricorderò sempre un mio compagno di classe, che aiutavo con i vari compiti, che una volta mi disse: "Mia madre ha una visione politica più vicina alla tua e a quella della tua compagnia ma ha votato Lega perchè qua il 95% del paese vota la Lega" ed io ovviamente ero [email protected] ed [email protected] da tale ragionamento.

Noi possiamo cambiare il mondo perchè PEOPLE HAVE THE POWER!!!

The power to dream to rule
To wrestle the world from fools
It' s decreed the people rule
It' s decreed the people rule
I believe everything we dream
Can come to pass through our union
We can turn the world around
We can turn the earth' s revolution
We have the power
People have the power

Big Yellow Taxi - Joni Mitchell

Don’t it always seems to go that you don’t know what you’ve got till it’s gone?

Protesta è stata la categoria che mi ha reso più indeciso, poiché mi affascinavano diverse opzioni, da quelle più politico-sociali a quelle più attinenti alla sfera esistenziale. 

Alla fine partecipo con la canzone che sento più vicina, non soltanto perché amo la musica di Joni Mitchell, ma anche perché ho molto a cuore questo brano e la tematica di cui si fa portavoce. 

Qualche anno fa, ho cominciato a scrivere per un giornale che parla di ambiente, senza sapere assolutamente nulla di ambiente. Quando ho avuto l'idea di curare delle uscite di musica ambientalista, questa è stata la prima canzone di cui ho parlato. Pian piano ho imparato a conoscere il mondo di chi si batte per l'ambiente, ho imparato molto circa minacce ecologiche di cui non ero minimamente a conoscenza e, allo stesso tempo, ho trovato il mio posto all'interno della redazione, che da allora sente Big Yellow Taxi come una sorta di inno, come lo è in realtà per tutti gli ambientalisti. 

Il brano, infatti, è forse la canzone ambientalista per eccellenza, magari proprio perché così semplice ed orecchiabile, ma allo stesso tempo così potente e diretta. È stata scritta nel 1970, ma è così attuale che potrebbe essere stata scritta anche ieri. 

La storia che c'è dietro mi affascina moltissimo. Joni Mitchell ha circa 27 anni quando si trova in viaggio alle Hawaii. Mentre è il albergo, probabilmente lo sgargiante Royal Hawaiian Hotel, si affaccia alla finestra e si accorge di una cosa stranissima. Se da una parte può ammirare l'Ooceano Pacifico, il lato che dà sulla splendida isola affaccia in realtà su un'enorme distesa di cemento. 

"Hanno pavimentato il Paradiso per costruirci sopra un parcheggio" è il celebre verso iniziale che verrà ripreso per tutta la canzone. Joni arriverà a cantarlo ridendo, quasi a dire "vi rendete conto dell'assurdità?", quasi a sottolineare che l'avidità dell'uomo sia venuta meno ad un principio così elementare e prioritario come la difesa della natura. 

Natura che, in quell'ammasso di palazzi, sopravvive soltanto per un piccolo lembo di terra, ossia il giardino botanico dell'isola, il Foster Botanical Garden. "Hanno tolto tutti gli alberi e li hanno messi in una specie di museo degli alberi. E chiedono pure alla gente di pagare un dollaro e mezzo per poterli vedere", continua Joni prima di scagliarsi contro l'utilizzo di pesticidi nell'agricoltura. "Ehi contadino, metti via quel DDT. Dammi pure delle mele ammaccate, ma lascia in pace gli uccelli e le api". 

Un pezzo capostipite della musica ambientalista, che trovo bellissimo e geniale, proprio per la sua apparente leggerezza, che fa da contrasto a tutti quei comportamenti aberranti con cui l'uomo sta distruggendo l'ambiente, adesso come allora, senza aver imparato che ci accorgiamo di ciò che abbiamo soltanto quando ormai l'abbiamo perso.  

Il mio nemico- Silvestri
Dio è morto – guccini

Quando ho letto questo stato d’animo, non ho avuto il minimo dubbio nella scelta di questo brano di Guccini.

Nonostante sia un brano del 1965, è sempre attuale. Quante volte l’ho strimpellato con la chitarra, quante volte con la voce, in coro con gli amici la urlavamo pensando di poter cambiare il mondo.

Ho visto 
La gente della mia età andare via 
Lungo le strade che non portano mai a niente
Cercare il sogno che conduce alla pazzia 
Nella ricerca di qualcosa che non trovano 
Nel mondo che hanno già, dentro alle notti che dal vino son bagnate 
Lungo le strade da pastiglie trasformate
Dentro le nuvole di fumo del mondo fatto di città
Essere contro ad ingoiare la nostra stanca civiltà 
E un dio che è morto
Ai bordi delle strade, dio è morto
Nelle auto prese a rate, dio è morto
Nei miti dell’estate, dio è morto
Mi han detto 
Che questa mia generazione ormai non crede 
In ciò che spesso han mascherato con la fede 
Nei miti eterni della patria o dell’eroe 
Perché è venuto ormai il momento di negare 
Tutto ciò che è falsità, le fedi fatte di abitudine e paura
Una politica che è solo far carriera
Il perbenismo interessato, la dignità fatta di vuoto
L’ipocrisia di chi sta sempre con la ragione e mai col torto 
E un dio che è morto

Nei campi di sterminio, dio è morto
Coi miti della razza, dio è morto 
Con gli odi di partito, dio è morto
Ma penso 
Che questa mia generazione è preparata 
A un mondo nuovo e a una speranza appena nata
Ad un futuro che ha già in mano
A una rivolta senza armi
Perché noi tutti ormai sappiamo 
Che se dio muore è per tre giorni e poi risorge
In ciò che noi crediamo, dio è risorto
In ciò che noi vogliamo, dio è risorto
Nel mondo che faremo, dio è risorto

La fine del mondo - Anastasio
Non Siete Stato Voi - Caparezza

Per questa categoria porto una canzone tristemente attuale di quel gioiellino de Il Sogno Eretico, ormai datato 2011.
Questa canzone si distacca dal consueto stile satirico e giocoso che fa di Caparezza un rapper unico in Italia; è una canzone cruda, scritta di pancia.
Io sono cresciuto a pane e Caparezza, e in un primo momento la ignorai: d'altronde avevo solo 11 anni, preferivo altre canzoni come Sogno Eretico, la Marchetta di Popolino o la Fine di Gaia.
Crescendo ho iniziato sempre di più ad interessarmi alla canzone, in principio per il ritmo e per l'intensità. Poi fu il turno del significato, che però rimase ancora parzialmente indecifrato. Si, si scagliava contro la politica, l'Italia era in crisi, al governo (se non ricordo male) c'era Berlusconi, ma nient'altro.
Quest'anno ho votato per la prima volta e per forza di cose mi sono informato un minimo di politica. Appena ho letto della categoria in questo gioco mi è subita balzata in mente la canzone, che sapevo più o meno a memoria. Una volta riascoltata, questa volta con orecchio d'adulto, mi sono venuti i brividi.
È inutile fare gli ottimisti, criticare chi critica il sistema. Questa canzone è VERA, non c'è nulla da fare. Mi fa rabbrividire come i ministri siano cambiati, ma la minestra è rimasta la stessa. Mi fa rabbrividire come in certi passaggi si confondano alcuni politici dell'ultimo decennio con Mussolini.
In questi giorni la sto ascoltando a ripetizione e questo pezzo mi fa salire tutta la rabbia, tutto il desiderio di vivere in un paese non corrotto e in cui certi pagliacci non esistano:
Non siete stato voi 
che brucereste come streghe gli immigrati salvo venerare quello nella grotta. 
Non siete Stato voi 
col busto del duce sugli scrittoi e la costituzione sotto i piedi. 
Non siete stato voi 
che meritereste d'essere estirpati come la malerba dalle vostre sedi.
Non posso non pensare a Salvini, delle boiate che dice, e alla gente che lo segue. 
Non posso non pensare a cosa è diventata la politica nel nostro paese, dopo tutto quello che ci ha preceduto. Partiti, lotte, dittature, grandi eroi. Niente, ora è diventata una puntata di Uomini e Donne. Fare il ministro oggi equivale a fare il vlogger.
Non so voi, ma questo non è il paese e la gente da cui voglio essere governato.

Non siete Stato voi 
che trascinate la nazione dentro il buio ma vi divertite a fare i luminari. 
Non siete Stato voi 
che siete uomini di polso forse perché circondati da una manica di idioti. 
Non siete Stato voi 
che sventolate il tricolore come in curva e tanto basta per sentirvi patrioti.
Non siete Stato voi 
che comprate voti con la propaganda ma non ne pagate mai la conseguenza. 
Non siete Stato voi 
che stringete tra le dita il rosario dei sondaggi sperando che vi rinfranchi. 
Non siete Stato voi 
che risolvete il dramma dei disoccupati andando nei salotti a fare i saltimbanchi.
Non siete Stato voi 
maledetti forcaioli impreparati, sempre in cerca di un nemico per la lotta.
Non siete Stato voi 
che brindate con il sangue di chi tenta di far luce sulle vostre vite oscure.
Non siete Stato voi 
che trattate chi vi critica come un randagio a cui tagliare le corde vocali. 
Non siete Stato voi, servi, 
che avete noleggiato costumi da sovrani con soldi immeritati, 
siete voi confratelli di una loggia che poggia sul valore dei privilegiati come voi 
che i mafiosi li chiamate eroi e 
che il corrotto lo chiamate pio 
e ciascuno di voi, implicato in ogni sorta di reato fissa il magistrato e poi giura su Dio: 
"Non sono stato io".

Andrà tutto bene – Levante

Levante si è schierata. In un momento storico in cui esprimere la propria opinione liberamente è sempre più difficile e rischioso, la cantautrice se n'è uscita con una canzone potente, tagliente, che affronta a gamba tesa problemi di stringente attualità come i diritti civili, la tragica situazione ambientale e l'immigrazione.

Un tappeto sonoro d'impatto e coinvolgente completa questa canzone meravigliosa e coraggiosa.

 

C:

 

Romeo - Margherita Vicario ft. Speranza

Ci sono molti possibili modi per protestare contro un tema grave e tristemente troppo comune come il femminicidio. La maggior parte dei brani legati ad esso è diretto verso le donne stesse, nel tentativo di far capire loro quanto sia necessario farsi rispettare e non lasciarsi trasportare dagli amori malati. Purtroppo, ho sempre considerato questi brani controversi, sicuramente con un buon intento, ma quasi sull'orlo del "victim shaming". Parlano alle vittime, consigliano le vittime, ma raramente si concentrano sui carnefici.

Romeo è un brano che tratta il tema della violenza sulle donne in maniera estremamente lucida. Si potrebbe considerare un quadro molto schietto della situazione. In un testo estremamente ricco di metafore, lingue diverse, richiami storici (che vi invito a ricercare nel testo, ne troverete sempre diversi e sempre più interessanti), si configura la storia comune della fragile virilità di chi commette violenza sulle donne. Particolarmente forte, sotto questo frangente, il verso di Speranza, che "gioca nel ruolo" del carnefice, mettendo alla luce quali possano essere i pensieri di chi commette questi atti vili e disumani.

Romeo è un brano capace di parlare alle vittime, lasciandole immedesimare nelle parole della Vicario, ma anche ai carnefici, tramite Speranza, mettendo alla luce i loro stessi pensieri, nel loro stesso linguaggio. Non ha senso insegnare a queste persone a vivere, non ne sono capaci, e di certo non sarà una canzone che dice "ehi, stai sbagliando, smetti!" a far cambiare loro idea. Per parlare alle bestie, devi parlare come una bestia, con un linguaggio da bestia. Devi dir loro, piuttosto, "ehi, guarda quanto fai schifo". Devi entrare nella loro testa, metterli a disagio usando la loro stessa retorica, per cui "una donna che non può e non vuole lavorare in casa è meno donna di altre", per cui "la vita di una moglie è meno importante di quella del figlio", per cui, di fronte all'indipendenza della propria compagna, l'unica cosa che si riesce a dire, accecati dalla rabbia, è "mi scopo tua sorella" (la frase in albanese a metà della strofa di Speranza).

In definitiva, in un mondo dove si tende sempre a fare canzoni di protesta indirizzate alle vittime piuttosto che ai carnefici, Romeo è una vera e propria boccata d'aria fresca, nel suo essere quasi "super partes", restituendo la realtà dei fatti, senza consigliare niente a nessuno, senza apparente via d'uscita, ma che nel suo pessimismo accetta l'idea che nel futuro le cose possano migliorare. Non oggi, ma per fortuna all'orizzonte c'è speranza, perché a volte basta una canzone, ma quella giusta.

Brunori Sas - L'uomo nero

"Diceva qualcuno che quando i poveri cristi accusano altri poveri cristi per i loro guaì quello è il capolavoro della classe dominante", così inizia l'esibizione live al Musicultura di Brunori Sas su "L'uomo nero". Nel parlare di "protesta" spesso appare inevitabile parlare anche di "rabbia" e, in effetti, la prima idea di protesta è qualcosa legato alla rabbia, al senso di ingiustizia, al manifestare il proprio disappunto su qualcosa in modo impetuoso. In realtà credo che la "rabbia sociale", nell'ottica della protesta, possa essere tranquillamente affiancata dalla "critica sociale", più razionale, ma ugualmente (o anche di più, se si sanno scegliere le parole giuste) efficace nel portare avanti una protesta per i propri ideali. 

Ne "L'uomo nero" la protesta viene declinata proprio come critica sociale. Tutto il brano è impregnato di una forte critica alla xenofobia, alla paura del diverso, delle innumerevoli contraddizioni che i razzisti si portano dietro (per esempio "Ed è un maniaco della famiglia  / soprattutto quella cristiana / per cui ama il prossimo suo / solo se è carne di razza italiana"). In realtà però alla denuncia dell'irrazionalità di questi timori, si affianca un altro tema, cioè quello della difficoltà a cambiare le cose, c'è un'enfasi, soprattutto sul finale, posta sulla presa di coscienza su quanto sia dura la battaglia per correggere una mentalità sbagliata, ma insediata e radicata ormai in una discreta percentuale di popolazione. Volendo proprio ridurlo all'osso, credo che i messaggi del brano siano due: da un lato è l'ovvia critica al razzismo, dall'altro c'è un "combattiamo, ma non bastano quattro note e una chitarra a cambiare le cose". 

Blu - Irene Fornaciari
canzone del maggio (de andre)

Tralasciando il pippone sul 'maggio francese' cui è ispirato, di questo pezzo universalmente calzante col tema in questione io amo principalmente la contemporaneita, quindi vi invito a leggerlo in varie "chiavi" La chiave "riscaldamento globale/ambiente" Ve ne siete fregati finora, pensate non vi riguardi? La storia ne chiederà conto a tutti, non solo a chi ha sbagliato e a chi è sceso in piazza. E ora, in chiave "diritti negati, manifestazioni, manganellate (Russia? Hong Kong? Palestina/Israele? Ampia scelta): Avete bevuto tutto ciò che vi diceva la tv? Non avete approfondito, avete pensato che con l'arresto di qualcuno tutto si sarebbe calmato? Un ca**o! Siete coinvolti anche voi. E ora, in chiave salviniana, sul tema immigrazione/accoglienza (senza scomodare il passato): Avete votato la SICUREZZA, pensando che bastasse a mantenere il vostro tran tran? Che chiudere i porti sarebbe la soluzione ideale e soprattutto praticabile? Poveri stolti, verremo anche di casa in casa a dirvi che avete torto, che ignavia e disinteresse non vi scusano, siete coinvolti anche voi, complici diretti o indiretti. Buon ascolto!

Le luci della centrale elettrica – iperconnessi
Fabrizio De Andrè, Preghiera in gennaio

Per affrontare questa singolare categoria, ho deciso di accantonare momentaneamente la mia preferenza per la lingua inglese e di fare esordire nel gioco Fabrizio De André, la sua humanitas, il suo canto empatico e dolente, attraverso una canzone meritatamente conosciuta ma, credo, non inflazionata: Preghiera in Gennaio.

Credo sia noto ai più che questa canzone fu scritta e composta dal cantautore genovese poco dopo avere appreso del suicidio dell’amico Luigi Tenco, altro nome ormai storico della musica e della cultura italiana, e averne visto la salma. Siamo nel gennaio del 1967. Nelle parole di De André, la canzone venne fuori di getto, quasi come un modo per cercare di far fronte un evento tanto drammatico e inaspettato:

Sai, ad un certo punto non sai cosa fare per una persona che è morta, ti sembra quindi quasi di gratificarla andando al suo funerale, scrivendo – se sei capace di scrivere e se ne hai l’idea – qualcosa che lo gratifichi, che lo ricordi… forse è una forma… ma d’altra parte è umano, credo… non l’ho di certo scritta apposta perché la gente pensasse che io avevo scritto apposta una canzone per Luigi, tant’è vero che non c’era scritto assolutamente da nessuna parte che l’avevo composta per lui’.

È vero comunque che, se la genesi del brano è questa, esso non si limita a ‘rendere onore’ al ricordo di Tenco: ampliando la propria visione, la canzone si fa contemplazione di un Aldilà dove Dio accoglie con amore e misericordia l’anima di una persona che ha commesso quello che, nella morale cattolica del tempo, rappresentava un gesto grave, meritevole della dannazione eterna, ossia il suicidio. Infatti – ed è esattamente qui che la canzone mi sembra farsi protesta, ferma, convinta, vibrante – tutte queste immagini di serenità ultraterrena vengono lapidariamente gettate in faccia ai perbenisti e ai moralisti che pretendono di condannare su basi totalmente astratte, senza che vi sia alcuna volontà di comprendere, di empatizzare:

Signori benpensanti

Spero non vi dispiaccia

Se in cielo, in mezzo ai Santi

Dio, fra le sue braccia

Soffocherà il singhiozzo

Di quelle labbra smorte

Che all'odio e all'ignoranza

Preferirono la morte

Non c’è l’inferno nel mondo del buon Dio e L’inferno esiste solo per chi ne ha paura: sono i benpensanti di cui sopra che lo creano, imprigionandovisi (o facendo finta di) e soprattutto pretendendo che tutti si conformino alla loro morale. Estraneo alla loro ignoranza e alla loro paura, il Dio di questa canzone si dimostrerà contento di ascoltare il canto della persona suicida – ascolta la sua voce che ormai canta nel vento, con un ultimo, velato e delicatissimo accenno all’amico defunto Tenco.

Sebbene io non sia ateo (mi considero invece agnostico), in genere tendo a essere un po’ insofferente, o almeno sospettoso, nei confronti di canzoni i cui testi si ispirano a concetti e immagini religiose, e in particolar luogo cristiane; insofferenza che sicuramente non provo nei confronti di questa bellissima preghiera, che in fondo attinge a quel repertorio figurativo e concettuale per scardinarlo dalle fondamenta, per sottrarlo a chi lo adopera per seminare paura e ostilità e ‘usarlo’ contro di loro, o più semplicemente per veicolare un messaggio più universale aldilà di fedi e ateismi vari.

Spero che la protesta insita nel testo venga colta e compresa. Io vorrei aggiungere che, nonostante a livello musicale possa sembrare una canzone un po’ triste, nel complesso penso che avrei potuto usare questa Preghiera in Gennaio anche nella categoria Libertà, essendo, a mio avviso, la libertà lo scopo ultimo di ogni protesta profonda. La canzone fa specifico riferimento al suicidio e ai suicidi, ma le ‘categorie’ contro cui bigotti, intolleranti, moralisti continuano a lanciare strali continuano a essere tante, e il messaggio della canzone, attualizzato, penso valga in fondo per tutte loro, e sento, in quanto persona appartenente alla comunità LGBTQ+, che questa canzone mi fa bene proprio perché è assolutamente valida nel ricordare che il punto di vista sbagliato è quello di chi vuole modellare la libertà altrui a propria immagine e somiglianza, non di chi cerca, pur nel rispetto altrui, di autodeterminarsi liberamente.

Generale - Anastasio
Figli di nessuno - Fabrizio Moro ft Anastasio

 

@NotturnoManto @Francofranco @cionfy @Alby @sparso @Edre @Alex8806 @xello @MANTV71 @bilirubina @alessandrino @edorf @Sophia @Waves of Music @Signorina Silvani @monechiapi @Emm @Massiveattack @Lu11 @drugo92 @pesca @Vesuvius21 @giovy95 @Danieletw

Danieletw

Utente PLATINO
Utente
Forum Posts: 1267
Member Since:
20 maggio, 2018
sp_UserOnlineSmall Online
98
12 settembre, 2019 - 14:53
sp_Permalink sp_Print

Anastasio presente con ben 3 canzoni! 

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5273
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
99
12 settembre, 2019 - 15:20
sp_Permalink sp_Print

Il girone A è la morte. 

" Ah ... anche poeta ! "

xello
Napoli

Game Ranking Winner 2017/2018
Utente
Forum Posts: 16246
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
100
12 settembre, 2019 - 15:50
sp_Permalink sp_Print

Ma il girone A è legale?

Per mio gusto personale A >>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>> B & C

alessandrino
is currently browsing this topic
Juventino95
is currently browsing this topic
Sophia
is currently browsing this topic
Forum Timezone: Europe/Rome

Most Users Ever Online: 2564

Currently Online: xello, sparso, Alex8806, alessandrino, guardian22, vincy, monechiapi, Krishoes, Narciso98, Juventino95, tore, Olimpico85, Alive, Signorina Silvani, Sophia, Francofranco, Targaryen, KassaD1, Casadelvino, Salvatore, CrimiNALe, Danieletw
212 Guest(s)

Currently Browsing this Page: alessandrino, Juventino95, Sophia
3 Guest(s)

Members Birthdays
sp_BirthdayIcon
Today: None
Upcoming: None

Top Posters:

Teolino: 22114

pesca: 19361

Olimpico85: 18188

xello: 16246

ouro: 14282

Newest Members:

enrico

Fosky

cyylyy1

Michela

Pietro

Forum Stats:

Groups: 6

Forums: 117

Topics: 14794

Posts: 765220

 

Member Stats:

Guest Posters: 6

Members: 15340

Moderators: 8

Admins: 4

Administrators: RealityHouse, Alex87, pazzoreality, mariomatt

Moderators: sadida83, EvilxElf, Fob92, BertoBarto, latinista93, amers, smiley, Capo Horn

    

Reality House non rappresenta una testata e non è affiliato né collegato ai produttori, reti e programmi televisivi che sono oggetto di discussione sulle sue pagine.

Tutti i marchi, loghi e immagini utilizzati su Reality House sono protetti da copyright dei rispettivi proprietari. Se ritieni che un contenuto debba essere rimosso, ti preghiamo di contattarci.

© 2004-2018 Reality House

Log in with your credentials

Forgot your details?