Please consider registering
Guest

Search

— Forum Scope —




— Match —





— Forum Options —





Minimum search word length is 3 characters - maximum search word length is 84 characters

Register Lost password?
sp_Feed sp_TopicIcon
Selezioni Nazionali: le scelte di Irlanda 🇮🇪 e Slovenia 🇸🇮
ge_aldrig_upp
Vicenza, Italy
Utente 6xP

Utenti +1
Forum Posts: 6632
Member Since:
9 settembre, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
41
18 febbraio, 2021 - 12:29
sp_Permalink sp_Print

Krishoes ha detto

"Kemama" mi piaceva, però questa secondo me è più convincente, ha più appeal e quindi migliori chance di qualificazione. Mi mette il buon umore ogni volta che la sento, il sorrisone in faccia proprio, e mi è entrata in testa dal primo ascolto.heart

Concordo! Tra l'altro Kemama era nella mia bottom5 del 2020, quindi da lui proprio non mi aspettavo NULLA. Invece son rimasto positivamente sorpreso dalla direzione che ha voluto prendere con questa, che fin da subito ho trovato più interessante e se vogliamo anche affine ai trend musicali che funzionano in questo momento anche al di fuori dell'Eurovision clap2

ge_aldrig_upp
Vicenza, Italy
Utente 6xP

Utenti +1
Forum Posts: 6632
Member Since:
9 settembre, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
42
21 febbraio, 2021 - 1:10
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

Stasera sabato 20 febbraio (anche se ora che scrivo è già domenica 21) si è tenuto il primo vero Super Saturday della stagione eurovisiva, con un totale di tre scelte e sei show per complessive sei ore di intrattenimento excitedexcited

QrkCsrH.png

La Finlandia ha riproposto l'ormai familiare finale nazionale Uuden Musiikin Kilpailu (UMK) con format analogo a quello del 2020 anche se con qualche cambiamento di sorta: niente pubblico, sette proposte in gara invece di sei, Antti Tuisku alla conduzione e uno split 75/25 fra voto del pubblico e sette giurie internazionali. Per la verità si sarebbe potuto dire che l'aumento dei brani fosse dovuto all'inclusione forzata nel cast del vincitore dell'anno passato Aksel Kankaanranta, che comunque è stato il primo rappresentante del 2020 a venire "detronizzato" in una finale nazionale con altri partecipanti (dopo stasera potrebbe essercene almeno un altro, ma ne parleremo meglio domani)

Le voci della vigilia vedevano una lotta a due tra la band Blind Channel e il trio hip hop Teflon Brothers, per l'occasione accompagnato dalla vocalist svedese Anneli Magnusson AKA Pandora (già in gara al Melodifestivalen 2003 e 2004). Effettivamente queste sono state le due canzoni che si sono piazzate alle prime due posizioni, ma la sorpresa è stata nelle proporzioni del trionfo dei Blind Channel: la loro Dark Side ha raccolto QUATTROCENTOSETTANTANOVE punti (pari a oltre il 54% del televoto su sette proposte) contro i 150 di I Love You dei Teflon. Precedentemente i Blind Channel avevano anche vinto il voto delle giurie, conquistando il massimo punteggio in quattro su sette.

La classifica finale vede quindi vincitori con 551 punti i Blind Channel, band di genere post-hardcore originaria di Oulu e composta dai cantanti Joel Hokka e Niko Moilanen, dal chitarrista Joonas Porko, dal bassista Olli Matela, dal sampler/precussionista Aleksi Kaunisvesi e dal batterista Tommi Lalli. I componenti della band sono anche gli autori del brano, che si intitola Dark Side ed è un pezzo nu-metal da primi anni '00 con influenze rap.

Classifica completa:

1. Blind Channel, Dark Side - 551 punti (479 televoto + 72 giurie)
2. Teflon Brothers x Pandora, I Love You - 180 (150 + 30)
3. Ilta Fuchs, Kelle mä soitan - 150 (101 + 49)
4. Oskr, Lie - 115 (53 + 62)
5. Aksel Kankaanranta, Hurt - 108 (52 + 56)
6. Danny, Sinä päivänä kun kaikki rakastaa mua - 60 (38 + 22)
7. Laura Põldvere, Play - 13 (9 + 4)

QrkCsrH.png

Mi ripeto per l'ennesima volta, ma NRK ha portato a casa un'edizione super memorabile del Melodi Grand Prix: grande varietà di generi e situazioni, tante proposte competitive, show corti e super godibili, zero riferimenti al COVID e un trio di presentatori super collaudato e affiatato (Kåre Magnus Bergh, Ronny Brede Aase e Ingrid Gjessing Linhave). Il pubblico norvegese ha apparentemente gradito e trovo che questo esperimento (che come ricorderete doveva soltanto celebrare il traguardo dei 60 anni di MGP tagliato l'anno scorso) possa davvero perdurare nel tempo e andare nei prossimi anni a insidiare il primato del Melodifestivalen come selezione nazionale più attesa e seguita dagli eurofan.

Breve riassunto delle puntate precedenti: in finale si affrontavano 12 canzoni, 6 prequalificate per scelta della produzione, 5 vincitrici delle semifinali e 1 ripescata in un girone di ripescaggio del tipo "o tutto o niente". Il format prevedeva i soliti tre giri di voto via app, con una prima scrematura da 12 a 4, una seconda da 4 a 2 e una superfinale fra le due superstiti.

Anche qui la gara si preannunciava come una vera e propria lotta a due tra i KEiiNO (vincitori nel 2019 e 6° all'Eurovision di Tel Aviv, vincendo tra l'altro la classifica del televoto) e TIX (artista alternative pop attualmente ai vertici delle classifiche di vendita). La top4 e poi la top2 hanno rispettato appieno i pronostici degli scommettitori, con KEiiNO e TIX che in breve hanno regolato la competizione dei redivivi Jorn (rientrati in gara lunedì sera dal girone di ripescaggio) e dei Blåsemafian feat. Hazel (assurti al rango di outsider dopo l'appoggio di una congregazione di pentecostali dalle posizioni omofobe e liberticide). Non c'è stata storia nello scontro a due: TIX ha portato a casa quattro "regioni" su cinque e sconfitto i favoritissimi KEiiNO con un distacco di quasi centomila voti, guadagnando il titolo e il diritto di rappresentare la Norvegia sul palco di Rotterdam.

Andreas Haukeland in arte TIX ha 27 anni, viene da Bærum ed è un cantante, musicista e produttore estremamente affermato in Norvegia e fuori (vanta fra i crediti una presenza come autore in Sweet But Psycho di Ava Max, #3 FIMI e triplo disco di platino anche in Italia). Il suo nome d'arte deriva dai "tic" che gli provoca la sindrome di Tourette, malattia di cui ha sempre sofferto e della cui awareness si è posto come sostenitore (oltre che di una serie di problematiche legate al suicidio e alla salute mentale). Il brano vincitore si intitola Fallen Angel, è scritto da lui stesso medesimo assieme al fratello Mathias e ad Emelie Hollow ed era stato originariamente presentato in gara in lingua norvegese con il titolo di Ut av mørket (Fuori dal buio).

E niente, so che tanti stanno già criticando la scelta ma dopo lo sgomento iniziale (che avevo espresso anche in questo topic) trovo che sia una proposta valida, sensata e che porta anche un forte senso di "rivalsa" dal momento che i tabloid norvegesi hanno schernito TIX e la sua proposta tirando in ballo il suo aver raccontato di aver sofferto di problemi di salute mentale. Vederlo commuoversi al momento della proclamazione è stato un momento molto bello e trovo che musicalmente il brano possa avere una sua dignità e una sua ragion d'essere sul palco dell'Eurovision heart

QrkCsrH.png

Già dalla notte dei tempi la Spagna ha confermato per il 2021 lo stesso artista che aveva selezionato internamente per il 2020: Blas Cantó, 29enne cantante ed ex membro della boyband AURYN.

La scelta del brano è stata operata in una "finale nazionale" fra due proposte presentate dallo stesso team che aveva prodotto Universo, il brano che Blas avrebbe dovuto presentare quest'anno. Le due canzoni (Memoria e Voy a quedarme) sono state sottoposte a un voto pubblico della durata di dieci giorni, che ha avuto il suo climax stasera con una serata di gala condotta da Tony Aguilar, Julia Varela e Víctor Escudero agli studi televisivi di Prado del Rey. Blas ha eseguito i due brani e duettato con: Vanesa Martín, Nia Correia, Andrés Suárez, Cepeda, Roi Méndez e le due ex rappresentanti spagnole Edurne (2015) e Pastora Soler (2012).

I risultati sono stati dati ad inizio show in modalità "carte di Maria" (nel senso che si sapeva che c'era un brano avanti 72 a 28, ma non quale) e alla fine nella forma tradizionale, con Voy a quedarme (Resterò) che ha prevalso su Memoria 58 a 42. Il brano è una ballad ed è scritto da un pool di autori che include Blas stesso assieme a Leroy Sanchez, Daniel "Dangelo" Ortega e Dan Hammond.

Krishoes
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9113
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
43
21 febbraio, 2021 - 11:28
sp_Permalink sp_Print

Primo super saturday! E che super saturday.

Sulla Finlandia alzo le mani. "Dark side" è la classica proposta che mi fa pensare subito "well, I guess there's room for everyone" ma è un mio limite grande da sempre con quel genere. Di fronte a quel risultato astonishing al televoto posso solo tacere.lmao

Forse ha proprio ragione Ge, in giro c'è il grande revival dei generi che andavano forte nei primi anni Duemila e io non riesco ancora a intercettarlo o a rendermene conto. D'altronde sono passati venti (20!) anni, e siccome nella musica tutto torna ciclicamente prima o poi, ci sta che oggi ci si rifaccia a quel momento lì.

Detto ciò, giusto che all'ESC ci sia spazio anche per queste proposte che solitamente sono molto lontane dall'immaginario musicale del contest (ma mi è parso di capire che in questo caso anche gli eurofan la sostengano) e avrà anche i suoi votanti, quindi good for them. Col tempo e gli ascolti la apprezzerò anche io.

Poi ci sta la scelta perché si va a inserire in una sorta di tradizione consolidata di proposte rockettare portate in gara dalla Finlandia in vari anni.jamming

---

Sulla Norvegia ci sarebbe tantissimo da dire.rofl

La vittoria dei KEiiNO ci poteva anche stare perché obiettivamente la proposta era solida in ambito eurovisivo, però non dobbiamo nascondere la testa sotto la sabbia ed evitare di dire che questa "Monument" è stata concepita come il remake di "Spirit in the sky", seguendone pedissequamente la struttura.

Un comeback troppo repentino, dai, non c'è stato nemmeno un ESC di mezzo (sigh). Mancava la genuinità della precedente. Mi spiace solo che ora gli eurofan non si riprenderanno mai più dal meltdown che li sta facendo schiumare sui social e ci martorieranno gli zebedei da qui a maggio con 'sta storia che sono stati robbed.

Non posso però dire che abbia vinto la proposta migliore in gara al posto loro.mutoLui è famosissimo in Norvegia, poi la sua storyline tra sindrome e redemption dopo il trattamento brutale della stampa e dei recensori ci sta tutta, i risultati su Spotify li aveva avuti, quindi la vittoria era abbastanza telefonata, ma ci sono mille cose che non vanno qui.

Partiamo dal fatto che con quella messa in scena tra ali gigantesche, catenacci dorati e angeli neri che gli gravitano intorno sembra un joke act fatto e finito. Una roba di un cringe che la metà basta. La versione ripulita e aggiornata della cafonata portata in scena dall'Azerbaijan al debutto nel 2008. Io sono curiosissimo di vedere la giuria dove piazzerà la Norvegia quest'anno.

Poi prendiamo la canzone in sé e pensiamola scevra dalla gara che ha vinto, da chi è lui, i successi in classifica, la storia personale. Ok è orecchiabile e caruccia, ma è di un cheesy pazzesco, e va bene che non va al Premio Tenco, ma il testo fa accapponare la pelle.lmaoAvrei preferito la mantenesse in norvegese, almeno ci sarebbe stato il fascino della lingua nazionale.

Mettiamo che una nazione a caso, che ne so, la Moldavia o il Belgio, se ne fosse uscita all'improvviso con questo pezzo scelto internamente. Quali sarebbero state le reazioni? Bottom 5 in semi e caterva di ultimi posti nelle top youtube (che otterrà invece perché ha battuto i KEiiNO e non per la canzone lol). Non penso meriti la qualificazione, per ora, poi vediamo cosa esce fuori.sadida

---

La Spagna ha fatto il minimo indispensabile premiando il 5 invece del 4. Mi puzza proprio di ventiseiesimo posto in finale.deadbanana3

BlueBlau
Utente 6xP

Utente
Forum Posts: 6672
Member Since:
2 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
44
21 febbraio, 2021 - 13:02
sp_Permalink sp_Print

un po' mi ammazza che in Norvegia le prime quattro sono tutte state svelate alla prima semifinalelmao nonostante tutto mi aspettavo i KEiiNO vincere tutto il cucuzzaro anche nella loro versione jury friendly quindi un po' sorpreso lo sono. la vincitrice non era la mia preferita del lotto (prima ci sono Raylee, Witch Wood, Kiim, la stessa Monument) ma non mi dispiace per quanto la preferisco nettamente in norvegese e la messa in scena lascia molto a desiderare a essere gentili. Mi ha fatto molto piacere rivedere Ulrikke, di quelli non confermati a oggi una di quelle che mi manca di piùpiango2

In Finlandia il primo pensiero è stato povero Aksel visto che sembrava che il campione in carica fosse Erikaheart e neanche si è confermato (giustamente direi, meglio l'anno scorso che a lungo andare mi era pure cresciuta tanto). La vincitrice ci sta e non mi dispiace per nulla nonostante non sia nulla di nuovo, e direi che possono anche fare molto bene considerando la loro semifinale e i precedenti (Softengine e Lordi, anche se parliamo di una vita fa) 

per il resto Spagna inaspettatamente preferivo universo, almeno era memorabile. qua a stento le ricordavo entrambe. Repubblica Ceca mi piace più di Kemama che si era persa nel mucchio, ma devo inquadrarla un pochino. Croazia apprezzabile per quel che è e senza grosse pretesesadida

Krishoes
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9113
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
45
21 febbraio, 2021 - 14:02
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

BlueBlau ha detto
Mi ha fatto molto piacere rivedere Ulrikke, di quelli non confermati a oggi una di quelle che mi manca di piùpiango2

Io non ero uno di quelli saliti sul carro di "Attention", anzi, però mi è spiaciuto molto non rivederla in gara soprattutto considerando che non avrebbe offerto la copia carbone della entry precedente (Aksel can you hear me?).

Il grande cambio di genere rappresentato da "Falling apart" sarebbe stato un bel twist e a mio parere un posto in top 4 in finale al MGP l'avrebbe agguantato facilmente, poi non so cosa sarebbe successo per la top 2 e vittoria, bisogna tenere conto del sentiment (... che in Finlandia non ha praticamente smosso mezzo voto) e se avrebbe influito sul risultato finale. Ora occhi puntati sulle Mamas in Svezia ed Uku in Estonia, sono curioso.

Ah, questo discorso del dispiacere lo posso fare anche con il Portogallo. Capisco che lì funzioni diversamente da altre selezioni, e il Festival da Cançao sia il loro Sanremo, scevro da condizionamenti eurovisivi, oltre al fatto che si ponga in primis come manifestazioni per autori che presentano i loro pezzi, e non gli interpreti, ma un posticino ad Elisa l'avrei riservato.

Peccato davvero, "Na ilha" è toccante, dolcissima.piango

ge_aldrig_upp
Vicenza, Italy
Utente 6xP

Utenti +1
Forum Posts: 6632
Member Since:
9 settembre, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
46
23 febbraio, 2021 - 11:44
sp_Permalink sp_Print

Krishoes ha detto

Il grande cambio di genere rappresentato da "Falling apart" sarebbe stato un bel twist e a mio parere un posto in top 4 in finale al MGP l'avrebbe agguantato facilmente, poi non so cosa sarebbe successo per la top 2 e vittoria, bisogna tenere conto del sentiment (... che in Finlandia non ha praticamente smosso mezzo voto) e se avrebbe influito sul risultato finale. Ora occhi puntati sulle Mamas in Svezia ed Uku in Estonia, sono curioso.
 

É pur vero che già nel 2017 si era presentata con una uptempo (che personalmente all'epoca trovai orrendina, ma tant'é)

ge_aldrig_upp
Vicenza, Italy
Utente 6xP

Utenti +1
Forum Posts: 6632
Member Since:
9 settembre, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
47
23 febbraio, 2021 - 12:16
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

VARIE ED EVENTUALI/6

🇪🇪 Estonia

Tra giovedì 18 e sabato 20 si sono tenute le due semifinali dell'Eesti Laul, partito sotto i migliori auspici dagli studi ETV di Tallinn con Tõnis Niinemets e Grete Kuld alla conduzione. É stato uno show abbastanza godibile e se il preascolto dei brani aveva destato qualche perplessità in merito al basso livello generale, c'è da dire che almeno per quanto mi riguarda son riusciti a mettere insieme un cast discreto e che sembra crescere col tempo excited In ognuna delle due semifinali gareggiavano 12 brani, di cui 4 passavano il turno grazie alla classifica combinata di giurie e televoto mentre 2 venivano ripescate tramite un ulteriore round solo televoto.

Nella prima semifinale (giovedì 18 febbraio) la classifica combinata ha premiato Karl Killing, Egert Milder (4° classificato l'anno scorso), Koit Toome (rappresentante estone nel 1998 e nel 2017 assieme a Laura Põldvere con l'iconica Verona) e il trio formato da Ivo Linna, suo figlio Robert e la band Supernova. Il televoto ha aggiunto Hans Nayna (cantante originario delle Mauritius e stabilitosi in Estonia dopo esserci rimasto bloccato a causa del lockdown dovuto alla pandemia) e il duo hip hop/reggaeton formato da Andrei Zevakin e dal rapper Pluuto ( heart )

Nella seconda semifinale staccano invece il biglietto il campione in carica Uku Suviste, Jüri Pootsmann (rappresentante estone all'ESC 2016 con Play, arrivò ultimo in semifinale), Kadri Voorand e il duo vocale Suured tüdrukud (formato da due famosissime vocal coach che hanno ricoperto il ruolo di backing vocalists in una quantità di proposte estoni all'Eurovision). Il pubblico salva Sissi (figlia di Dave Benton, 1/3 del gruppo con cui l'Estonia vinse l'Eurovision nel 2001) e il gruppo REDEL (2/6 dei Winny Puhh, iconici terzi classificati all'Eesti Laul nel 2013).

Note di colore: non hanno passato il taglio gli Alabama Watchdog, una band alt-rock che si presentava con l'omonima Alabama Watchdog - un pezzo dove mettevano in scena opinioni anti-vax e transfobiche coprendosi dietro alla foglia di fico della parodia. La cosa shockante è che proprio la giuria li aveva inseriti nella rosa dei quattro meritevoli di passare il turno mess

Inoltre aggiungo che la canzone con cui Uku Suviste si è presentato in gara (The Lucky One) è apparentemente in violazione delle regole dell'Eesti Laul in quanto presentata come coscritta da Uku assieme a Sharon Vaughn - in ossequio alla regola che vuole ogni brano firmato da almeno un 50% di autori estoni - ma nei crediti ufficiali su Spotify il cantante non compare ed è sostituito da Dimitris Kontopoulos, autore eurovisivo che abbiamo imparato a conoscere degli anni come uno dei più prolifici e di successo (due volte secondo e due terzo in nove partecipazioni).

🇵🇹 Portogallo

Sabato sera si è tenuta anche la prima semifinale del Festival da Canção, che contrariamente alla tradizione si tiene quest'anno a porte chiuse in diretta dagli studi RTP di Lisbona. Si sono presentate in gara le prime dieci canzoni, con cinque ammesse alla finalissima del 6 marzo tramite combinazione di giuria e televoto.

Si qualificano per la finale i favoritissimi Karetus + Romeu Bairos con il pezzo fado urban Saudade (Nostalgia), a cui si aggiungono Valéria Carvalho (fado classicissimo al limite dello stereotipo), Sara Afonso (ballad lenta), il gruppo The Black Mamba (ballad lenta e agée in stile Beatles) e Fábia Maia (ballad lentissima)

🇧🇬 Bulgaria

Victoria Georgieva, già scelta come rappresentante bulgara nel 2020 e subito confermata nel 2021 dopo un tira e molla dovuto alla ricerca di finanziamento da parte del broadcaster BNT, ha lanciato un progetto molto originale per selezionare la propria canzone in gara a Rotterdam.

É stato infatti rilasciato un EP dal titolo a little dramatic, con all'interno una rosa di sei canzoni fra le quali verrà effettuata la scelta a partire dai giudizi degli eurofan. Potete ascoltare i brani (ed esprimere i vostri pareri su ogni singola proposta) qui.

dive into unknown
T/M: Victoria Georgieva, Lukas Oscar, Pauline Skött, Borislav Milanov, Peter St James
growing up is getting old
T/M: Victoria Georgieva, Maya Nalani, Helena Larsson, Oliver Björkvall
imaginary friend
T/M: Victoria Georgieva, Cornelia Wiebols, Irma Eriksson Wadström, Oliver Björkvall
phantom pain
T/M: Victoria Georgieva, Helena Larsson, Oliver Björkvall
the funeral song
T/M: Victoria Georgieva, Helena Larsson, Christopher Samuels, Nellie Fors, Oliver Björkvall
ugly cry
T/M: Victoria Georgieva, Billen Ted, Martin Masarov

Miscellanea

In settimana verranno rivelate le scelte interne di 🇨🇾 Cipro (Eleni Tsagkrinou, El Diablo, 24 febbraio), 🇩🇪 Germania (Jendrik Sigwart, I Don't Feel Hate, 25 febbraio), 🇮🇪 Irlanda (Lesley Roy, Maps, 26 febbraio) e 🇸🇮 Slovenia (Ana Soklič, 27 febbraio).

🇸🇲 San Marino, originariamente prevista per la giornata odierna, ha preferito rimandare tutto all'8 marzo (alcuni suggeriscono per colpa dell'ennesimo cambio in corsa sadida )

Plasma
Utente PLATINO

Utente
Forum Posts: 1579
Member Since:
8 febbraio, 2020
sp_UserOfflineSmall Offline
48
24 febbraio, 2021 - 10:57
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

Ventaglio di scelte poco entusiasmanti nelle ultime due settimane, non me ne è piaciuta una. Da una parte non sono troppo dispiaciuto per il mancato passaggio dei KEiiNO, perché, a fronte di una canzone poco memorabile, avrebbero contribuito a monopolizzare il televoto come l'ultima volta. Dall'altra parte trovo la canzone di TIX asettica e dozzinale, se non ci fosse quello staging e se non fosse targata Norvegia non avrebbe la minima chance di qualificazione (tolgo dal peso lordo la sua storia personale, i vari problemi e il successo commerciale perché sono fattori di cui l'Europa non terrà conto). Mi tocca intenderlo come quota emotiva, come visual song, e provo comunque e salvare il salvabile: al netto di tutto, non è neanche tra i peggiori rappresentanti so far. lol

Uhm, un ni per la canzone della Finlandia, il genere per me non è superato ma la canzone in sé sì, ha una struttura compositiva troppo classica e prevedibile, e il growl finale non basta ad attribuirle particolarità. Mi spiace perché ho amato i Lordi e ho amato gli AWS (a proposito, R.I.P. Örs piango), ma questa quota rock non aggiunge e non toglie niente al territorio già percorso dal genere.

Croazia, per usare un eufemismo, non incontra il mio gusto, ma mi sto accorgendo che all'interno della bolla sta prendendo il largo, anche più di quanto si poteva immaginare nel momento in cui è stata annunciata. Spero sia solo un fuoco di paglia, perché al momento la ritengo superiore soltanto alla canzone messy della Spagna.

Sospendo il giudizio sulla Repubblica Ceca, perché ci sono dei passaggi che mi piacciono anche, gli "Oooh my god, oh my god" (nel momento della ripetizione, non nell'inciso), ed altri sparsi abbastanza meh. Carina l'idea del video citazionista, simpatico e conciliante l'intero progetto, sarà il momento "su il morale!" dell'ESC 2021 e c'è urgente bisogno di canzoni di questo tipo in una setlist così cospicua, non so se sia fino in fondo my cup of tea.

So far, pienamente soddisfatto solo da Ucraina e Francia.

Krishoes
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9113
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
49
24 febbraio, 2021 - 11:21
sp_Permalink sp_Print

ge_aldrig_upp ha detto

Krishoes ha detto
Il grande cambio di genere rappresentato da "Falling apart" sarebbe stato un bel twist e a mio parere un posto in top 4 in finale al MGP l'avrebbe agguantato facilmente, poi non so cosa sarebbe successo per la top 2 e vittoria, bisogna tenere conto del sentiment (... che in Finlandia non ha praticamente smosso mezzo voto) e se avrebbe influito sul risultato finale. Ora occhi puntati sulle Mamas in Svezia ed Uku in Estonia, sono curioso.
 

É pur vero che già nel 2017 si era presentata con una uptempo (che personalmente all'epoca trovai orrendina, ma tant'é)
  

Cambio di genere rispetto ad "Attention" naturalmente e sì, questa definirla orrendina è farle un complimento ripLei poi irriconoscibilesurprised

ge_aldrig_upp
Vicenza, Italy
Utente 6xP

Utenti +1
Forum Posts: 6632
Member Since:
9 settembre, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
50
25 febbraio, 2021 - 15:55
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

Occupiamo la giornata con le scelte interne delle due nazioni che pur decidendo di non effettuare una selezione nazionale, hanno deciso comunque di dare il benservito ai rappresentanti del 2020 talpa

QrkCsrH.png

Negli ultimi anni Cipro ha saputo guadagnarsi un ruolo preponderante nel panorama eurovisivo giocandosi la carta del pop femminile di facile presa, rappresentato dalla potentissima etichetta discografica greca Panik Records che negli ultimi 3 anni ci ha dato Fuego di Eleni Foureira e Replay di Tamta. Il giochetto si è un po' spezzato l'anno passato, quando la scelta di Sandro Nicolas - che sembrava a mio avviso voler tirare in tutt'altra direzione - era stata accolta molto freddamente dai fan e dalla stampa specializzata.

Con l'edizione 2021 RIK ha pensato quindi di tornare alle "origini" e di riproporre un'artista molto conosciuta nel microcosmo della musica ellenica: spazio quindi a Elena Tsagkrinou, 26 anni, originaria di Atene, cantante e conduttrice TV, celebre soprattutto per la hit del 2019 San lava (Come la lava). Il brano si intitola El Diablo (Il diavolo), è un palese rip-off di Bad Romance di Lady Gaga ed è scritto da Thomas Stengaard (autore di Only Teardrops di Emmelie de Forest, vincitrice dell'ESC 2013 per la Danimarca, ma anche di You Let Me Walk Alone di Michael Schulte (Germania 2018) e Sister delle S!sters (Germania 2019)), Laurell Barker (tanta roba al Melodifestivalen ma soprattutto She Got Me di Luca Hänni), Jimmy "Joker" Thörnfeldt e OXA (semifinalista nella nona edizione di The Voice of Germany)

Godetevi pure il video ufficiale, che si caratterizza per l'estetica aggressiva e il product placement DELICATISSIMO (shampoo Head & Shoulders, smalto unghie Blue Sky) lol

https://vimeo.com/516267047

QrkCsrH.png

Anche la Germania ha deciso di mollare la scelta del 2020 (Ben Dolić) e operare una nuova selezione tramite scelta interna. A conquistare il biglietto per Rotterdam è stato Jendrik Sigwart, 26enne cantautore e polistrumentista di Amburgo, che con il suo brano I Don't Feel Hate (scritto da lui accompagnandosi con l'ukulele (cit.) e prodotto da Christoph Oswald) ha sbaragliato la concorrenza delle varie proposte in gara ottenendo un voto medio di 11.82 punti su 12 nei due panel che hanno contribuito a scegliere il brano, il più alto mai ottenuto nella storia di questa selezione.

Thomas Schreiber, Head of Entertaiment per il broadcaster tedesco NDR, ha dichiarato che la performance registrata da inviare a Rotterdam in caso di "piano D" sarà realizzata in Lituania e sarà ideata con la collaborazione di Marijanas Staniulėnas, già coreografo dei The Roop.

John Lewis

Fan di Irene (MC10)

Utente
Forum Posts: 575
Member Since:
20 agosto, 2020
sp_UserOfflineSmall Offline
51
26 febbraio, 2021 - 13:11
sp_Permalink sp_Print

È il momento di commentare le ultime uscite:

Cipro non mi ha deluso, mi aspettavo una canzone danzereccia e molto pop, non dovrebbe avere problemi ad andare in finale, i fan euro visivi infatti la stanno accogliendo bene (non ci ho visto Bad Romance, bensì Zara Larson ban).

La Germania che mi combina? No commento, proprio orrenda e mi dispiace perchè l'anno scorso mi piacque abbastanza.

L'Irlanda mi piace più di quella dell'anno scorso, che per quanto carina, sembrava uno scarto di Victorious.

ge_aldrig_upp
Vicenza, Italy
Utente 6xP

Utenti +1
Forum Posts: 6632
Member Since:
9 settembre, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
52
28 febbraio, 2021 - 0:41
sp_Permalink sp_Print

QrkCsrH.png

Una delle poche nazioni che sembrava aver preso seriamente in considerazione l'ipotesi "ritiro" per il 2021, l'Irlanda ha deciso alla fine di compiere la scelta più comoda e confermare la cantante scelta internamente dodici mesi fa - Lesley Roy, 34enne cantante pop/rock di Balbriggan resa celebre nel 2008 dalla one hit wonder Unbeautiful (diventata hit paneuropea e arrivata persino negli USA).

La canzone selezionata quest'anno si intitola Maps, riprende un po' il solco già tracciato l'anno scorso con Story Of My Life ed è scritta da Roy assieme a Lukas Hällgren, Philip Strand, Normandie, Deepend ed Emelie Eriksson. Hällgren è un compositore abbastanza attivo nella scena ESC: ha scritto She Got Me di Luca Hänni (4° all'ESC 2019 per la Svizzera) ed ha conquistato due volte la finale del Melodifestivalen, nel 2018 con All The Feels di Renaida e nel 2020 con Talking In My Sleep di Paul Rey. Deepend (Falco van der Aker) è un producer olandese specializzato nel genere deep house.

QrkCsrH.png

Anche la Slovenia ha approfittato della circostanza sfavorevole per cancellare la tradizionale selezione EMA (Evrovizijska Melodija) e confermare internamente la vincitrice dell'anno scorso Ana Soklič, 37enne cantante di Savica con alle spalle una carriera quasi ventennale.

Il brano doveva inizialmente essere scelto all'interno di una selezione pubblica fra diverse proposte, ma si è poi deciso di limitare questa trasmissione alla presentazione di una scelta effettuata internamente da una giuria. A vincere fra quasi 200 candidati è stata Amen, ballata anthemica a sfondo simil-religioso scritta dagli autori della scorsa vincitrice Voda (Ana stessa più Bojan Simončič) assieme a Žiga Pirnat e Charlie Mason - quest'ultimo già autore dei testi di diverse entry eurovisive, fra cui Rise Like A Phoenix di Conchita Wurst, Beauty Never Lies di Bojana Stamenov ma anche L'amore è femmina (Out of Love) della nostra Nina Zilli sorpreso

E niente, rido un po' in primis perché Ana ci ha un po' trollato tutti promettendo una uptempo per mesi e poi portando la più classica delle ballad, ma soprattutto perché con questo brano ha rovinato del tutto la scelta dell'Austria che qualche giorno fa aveva annunciato per metà marzo la presentazione di un brano dallo stesso identico titolo messmess

***

🇵🇹 Portogallo

Stasera si è svolta anche la seconda serata del Festival da Canção, con RTP che pure in un clima abbastanza triste e desolato sta provando a portare a casa un'altra edizione di questa vera e propria istituzione nazionale. In gara c'erano dieci canzoni, scremate a cinque dal solito split 50/50 di giurie e televoto (a risultati ovviamente secretati)

Hanno staccato il biglietto per la finalissima di sabato prossimo le due favorite principali alla vittoria di tutto il baraccone - Por um triz (Per un pelo) di Carolina Deslandes e Dancing With The Stars di NEEV. A loro si aggiungono Joana Alegre con l'autobiografica Joana do mar (Joana del mare), EU.CLIDES con VOLTE-FACE (Voltafaccia) e Pedro Gonçalves, già sesto nel 2017, con Não vou ficar (Non tornerò)

BlueBlau
Utente 6xP

Utente
Forum Posts: 6672
Member Since:
2 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
53
28 febbraio, 2021 - 18:43
sp_Permalink sp_Print

sabato povero di selezioni, fa strano dover usare un solo schermo 

Parto da Cipro che dopo una breve parentesi torna sul sicuro, cioè tentare di ripetere il successo di Eleni. Preferisco questa a Running anche con tutti i riferimenti. Personalmente subito dopo il podio di Lituania Francia Ucraina c'è questa

L'Irlanda mi piace più quest'anno ma a livello di risultati penso avrebbe avuto più possibilità l'anno scorso. Story of my life ce la vedevo a strappare un decimo posto in semifinale, questa la vedo perdersi nel mucchio.

Sulla Germania sono combattuto. è del tipo che sul lungo stanca e finisci per non sopportarla più e sono sicuro che da qui a maggio non vorrò ascoltarla neanche per sbaglio ma non riesco a odiarla del tutto. Curioso di vederla in scena comunque anche se non penso vada meglio del solito soprattutto se la Russia conferma i little big 

per chiudere la Slovenia, la più grande delusione al momento visto che salvo solo Ana stessa come cantantesadida 

ah la cosa che più aspetto sabato prossimo è vedere se chiudiamo prima noi o i portoghesilol

Forum Timezone: Europe/Rome

Most Users Ever Online: 2564

Currently Online: xello, Raffaele, nessie, leparole, EvilxElf, Gen931, Matisse2, matti, ouro, JoJo, amers, zio cle, Kteis, Asp, Rio91, Krishoes, ge_aldrig_upp, chanel, smiley, matteo.m, Mavro, saccio, rege, Bigboj, Juventino95, Olimpico85, Waves of Music, Max, DGS, Capo Horn, calacolo, dede_91, matt2941, Pikachu, BlueBlau, Totoro__, Mirton, KassaD1, Shadow, bananapop_, anto1994, elisass, François, edorf, Danieletw, Davidex, Giovanni, Thomas, rickyyg98, Antonion, Maya, Alabama Monroe, Igor, Edwynivan, luca, Gabbo, Indigo, Nea, Giacomo, Davos, kisses83, Spike88, Stefano85, FemWarrior
417 Guest(s)

Currently Browsing this Page:
1 Guest(s)

Members Birthdays
sp_BirthdayIcon
Today: None
Upcoming: None

Top Posters:

Olimpico85: 27291

pesca: 24859

pazzoreality: 24072

Teolino: 22629

xello: 21584

Newest Members:

Giovanni

mailamaila

dang hieu

MelvinCoods

alessandro

Forum Stats:

Groups: 6

Forums: 146

Topics: 19863

Posts: 1017865

 

Member Stats:

Guest Posters: 7

Members: 17680

Moderators: 9

Admins: 3

Administrators: RealityHouse, Alex87, mariomatt

Moderators: sadida83, EvilxElf, Fob92, BertoBarto, Latinista, Alby, amers, monechiapi, Capo Horn

    

Reality House non rappresenta una testata e non è affiliato né collegato ai produttori, reti e programmi televisivi che sono oggetto di discussione sulle sue pagine.

Tutti i marchi, loghi e immagini utilizzati su Reality House sono protetti da copyright dei rispettivi proprietari. Se ritieni che un contenuto debba essere rimosso, ti preghiamo di contattarci.

© 2004-2020 Reality House

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account