Search

— Forum Scope —




— Match —





— Forum Options —





Minimum search word length is 3 characters - maximum search word length is 84 characters

Lost password?
sp_Feed sp_TopicIcon
Il Re Leone (live-action)
alesca94

Utente ORO
Utente
Forum Posts: 783
Member Since:
10 marzo, 2017
sp_UserOfflineSmall Offline
61
11 luglio, 2019 - 19:04
sp_Permalink sp_Print

L'amore è nell'aria stasera versione italiana mi ha fatto venire la PELLE D'OCAAA 

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
62
11 luglio, 2019 - 21:35
sp_Permalink sp_Print

Trailer italiano, con pezzetto di duetto in versione solo piano (è ancora più bello così).

" Ah ... anche poeta ! "

smiley
Moderatore
Utente


Moderatore
Forum Posts: 15662
Member Since:
24 ottobre, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
63
11 luglio, 2019 - 22:27
sp_Permalink sp_Print

ouro ha detto

Ho visto delle clip (le trovate qui in fondo se volete) e le mie paure si sono dimostrate fondate: grafica bellissima, doppiaggio inglese ben realizzato, ma mancano le espressioni.

Questi animali non hanno espressione - ed e' difficile da confrontare con i cartoni dove per l'appunto lo stile grafico permette di accentuare ogni emozione provata ed espressa dai personaggi.

Timon specialmente senza espressione. 

Esatto, ed è un po' il rischio a cui vai incontro se fai un live action con protagonisti gli animali. Fin dalle prime clip si notava la mancanza di espressione negli animali ( tant'è che molti lo paragonavano con un documentario del national geographic con sotto le canzoni), ma anche le prime recensioni confermano queste paure. 

Per quanto riguarda il doppiaggio ci è andata meglio rispetto a chi avrà la versione americana, almeno così sembrerebbe dalla resa nella colonna sonora. 

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
64
12 luglio, 2019 - 13:22
sp_Permalink sp_Print

Iniziata la conferenza stampa

fbclid=IwAR3B8gluvox82-LYwYIp8-R54IGANzAyBteo1yGfh-_5VxR8aUMFBNyVbYQ

" Ah ... anche poeta ! "

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
65
12 luglio, 2019 - 16:31
sp_Permalink sp_Print

" Ah ... anche poeta ! "

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
66
13 luglio, 2019 - 12:04
sp_Permalink sp_Print

" Ah ... anche poeta ! "

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
67
25 luglio, 2019 - 17:34
sp_Permalink sp_Print

Hakuna Matata.

Simba, Pumbaa e Timon.

" Ah ... anche poeta ! "

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
68
25 luglio, 2019 - 23:38
sp_Permalink sp_Print

Bello, mamma mia, che duetto!

https://video.comingsoon.it/MP4/32255.mp4

" Ah ... anche poeta ! "

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
69
21 agosto, 2019 - 9:09
sp_Permalink sp_Print

Stasera vado al cinema con la mia bimba party

 

" Ah ... anche poeta ! "

tore

Utente 3xP
Utente
Forum Posts: 3318
Member Since:
21 aprile, 2015
sp_UserOfflineSmall Offline
70
21 agosto, 2019 - 10:02
sp_Permalink sp_Print

Signorina Silvani ha detto
Stasera vado al cinema con la mia bimba party

   

cosa non sono insiemeplsnot

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
71
22 agosto, 2019 - 16:26
sp_Permalink sp_Print

Ottimo esordio party

🎞🦁 Incassi record, nel suo giorno d'esordio in Italia, per la nuova versione del classico film d'animazione #IlReLeone,...

Gepostet von Radio1 Rai am Donnerstag, 22. August 2019

" Ah ... anche poeta ! "

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
72
22 agosto, 2019 - 17:37
sp_Permalink sp_Print

" Ah ... anche poeta ! "

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
73
23 agosto, 2019 - 16:18
sp_Permalink sp_Print

Le stime sono calcolate al giovedì, manca ancora tutto il weekend party

" Ah ... anche poeta ! "

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
75
23 agosto, 2019 - 17:13
sp_Permalink sp_Print

La direttrice del doppiaggio Fiamma Izzo D'Amico ❤️😍

" Ah ... anche poeta ! "

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
76
23 agosto, 2019 - 19:20
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

Intervista a Fiamma Izzo.

Dice cose molto interessanti, soprattutto circa la supervisione della Disney su tutti i doppiaggi nel mondo, il modo in cui vengono scelti i doppiatori, gli standard, i provini fatti e poi mandati in America per l'approvazione e ascolto definitivo per l'avvallo, ecc...

https://nientedadire.it/2019/07/15/il-doppiaggio-del-re-leone-fiamma-izzo-e-le-polemiche-dei-talent/?fbclid=IwAR0tPHPEXgUkebwJ715IOqLzJP8TSJ0xsCgeZeUl1Vyl3vQviuJrZoYuElM  

Il doppiaggio del Re Leone: Fiamma Izzo e le polemiche dei talent

 
Questo mese le voci di corridoio sono autentici ruggiti.
Mi riferisco al gran parlare che si sta facendo proprio circa le voci (guarda un po’) scelte per il doppiaggio del nuovo live action di casa Disney: l’attesissimo “Il Re Leone”.
Sì perché alcuni tra i ruoli più importanti di questo film, nell’edizione italiana, sono stati affidati a dei talent. Nella fattispecie, abbiamo Marco Mengoni nel ruolo di Simba da adulto, Elisa nel ruolo di Nala, Massimo Popolizio su Scar, Stefano Fresi ed Edoardo Leo rispettivamente su Pumbaa e Timon, e Toni Garrani su Rafiki.
E qui i corridoi di internet sono stati intasati da voci. Voci entusiaste delle scelte, ma anche e soprattutto, voci furenti e preoccupate, dal momento che in passato, più di una volta i “talent” prestati al doppiaggio non hanno reso un buon servizio ai film per i quali sono stati scelti.
Ma che cosa c’è dietro al doppiaggio di un film importante come “Il Re Leone”? Quanto sappiamo davvero del lavoro che viene svolto per edizioni italiane di questo livello?
Non sono mai stato un grande amante del “fenomeno-talent”, ma ho letto e sentito di tutto: critiche che hanno parlato di “scelte arbitrarie”, di “siamo i soliti italiani”, di “ma non potevano richiamare i doppiatori del cartone animato?”…
Ed ecco che, per rispondere a queste ed altre perplessità, questo mese porto tra le nostre voci di corridoio una voce più che autorevole: quella di Fiamma Izzo.
Fiamma non è soltanto un’attrice, dialoghista, direttrice di doppiaggio e imprenditrice, nata all’interno di una delle più grandi famiglie del doppiaggio italiano: è anche una straordinaria cantante lirica che ha calcato i palchi più importanti al mondo. È una, per capirci, che all’arte dell’interpretazione ha dedicato la vita, e che è un’esperta di Disney, avendo diretto il doppiaggio dei recentissimi “Aladdin”, “Il ritorno di Mary Poppins”, “Ralph Spaccatutto” e “Ralph Spacca Intarnet”, “Frozen” e, appunto, “Il Re Leone”.
Dall’assegnazione di un film al primo turno di doppiaggio passano mesi interi di organizzazione, riunioni creative, mail con la produzione americana a tutte le ore del giorno e della notte. Niente è lasciato al caso.

«Una volta che il film viene assegnato a un direttore», ci spiega Fiamma, «si prepara una scheda con gli attori originali, indicando per ciascuno di loro se e da chi sia già stato doppiato. In questa scheda il direttore indica anche delle preferenze personali che possono ricadere al di fuori delle cosiddette “established voices” (“voci abituali”, NdA). Una volta ricevuta questa scheda, la distribuzione (in questo caso la Disney, ma vale per tutte le major), di concerto con il reparto marketing, vaglia la possibilità di utilizzare dei talent e la comunica al direttore che fa delle proposte. Se la distribuzione le approva, si procede con i provini».

Sì, perché anche i talent devono sostenere dei provini.
«Più di una volta è capitato che i provini dei talent siano stati scartati e che la distribuzione americana abbia scelto dei doppiatori di professione».
Talent o no, spesso non è facile trovare la voce giusta. Pensate che prima di scegliere Luca Ward per il ruolo di Mufasa, sono stati fatti e mandati in America venti provini di attori tra i 50 e gli 80 anni. Per non parlare di Simba e Nala da bambini: sono stati ascoltati moltissimi piccoli attori e attrici prima di scegliere Vittorio Thermes e Alice Porto, anche se, ci racconta Fiamma,
«Vittorio aveva conquistato tutti già al primissimo ascolto».
Durante la chiacchierata, Fiamma risponde anche a una delle domande che più spesso è risuonata a gran voce tra gli scontenti dei talent: perché due cantanti per Simba e Nala?
«Perché entrambi i personaggi, all’interno del film, avevano delle canzoni molto complesse da un punto di vista tecnico e interpretativo, a fronte di una parte recitata quantitativamente piuttosto contenuta. Sempre più spesso, dall’America vogliono che le parti recitate e quelle cantate siano affidate alla stessa persona, ragion per cui la Disney ha ritenuto pratico cercare i talent proprio tra i cantanti».
Fiamma aveva già lavorato con Marco Mengoni nel film “Lorax”, per cui quando è stata valutata la possibilità di coinvolgerlo, lei ha “appoggiato la mozione” con entusiasmo.
Certo però che le voci del film d’animazione erano un’altra storia… Vittorio Gassman, Tullio Solenghi, Riccardo Rossi, Laura Boccanera, Sergio Fiorentini…
«Il primo diktat arrivato dalla Disney America è stato quello di non utilizzare in nessun caso le voci del film d’animazione», spiega Fiamma. «L’unico ruolo per il quale non era stato imposto il veto era Mufasa, ma trattandosi del compianto Vittorio Gassman e non avendo ancora la possibilità di lavorare in link col Paradiso, abbiamo dovuto cercare altrove».
E di provini ne hanno fatti veramente a non finire. Sono stati provinati tutti i doppiatori che avevano già prestato la voce ai vari attori del cast, e tutti questi provini sono stati mandati in America dove è avvenuta la scelta.

A questo proposito, Fiamma ci tiene a sfatare un mito:
«Si è diffusa la leggenda metropolitana che in America scelgano in base alla somiglianza della forma d’onda sonora raffigurata sui grafici di un computer. Ecco. No. Proprio no. Voci diversissime tra loro, anche quella di un uomo e quella di una donna, potrebbero avere forme d’onda quasi identiche: scegliere con quel criterio sarebbe assurdo. Le persone preposte alla scelta dei doppiatori valutano in base a quanto trovino convincente la pasta vocale unita all’interpretazione».
Dovete sapere che, quando sosteniamo un provino su parte, noi doppiatori dobbiamo registrare un annuncio:
«Testing for [nome del personaggio], [nome del doppiatore]».
«È la prima cosa che sentono», dice Fiamma. «E più di una volta li ho visti scartare il provino senza neanche sentirlo perché l’annuncio non li convinceva. È il motivo per cui insisto sempre con i miei attori affinché “interpretino” anche l’annuncio con la voce e i modi del personaggio».
Il doppiaggio de “Il Re Leone” è andato avanti per tre intense settimane durante le quali i professionisti hanno lavorato su ben quattro versioni preliminari del film prima di completare la versione definitiva che è uscita nelle sale di tutto il mondo, e in queste settimane gli attori si sono scontrati con la difficoltà di calarsi nei ruoli di animali. Seguire un leone piuttosto che un attore umano in carne e ossa ha richiesto una concentrazione particolare: perfino attori navigati come Massimo Popolizio ed Edoardo Leo hanno detto più volte a Fiamma «Aiutami perché non so che appigli trovare». È stato un processo di immedesimazione attoriale completo. Ci sono stati anche dei vincoli molto precisi dal punto di vista del testo: Fiamma ha curato anche i dialoghi, e nel copione originale, le battute riprese alla lettera dal film d’animazione erano segnate in rosso: per quelle, la direttiva era di attenersi all’adattamento originale.
A tutte queste sfide, Marco Mengoni ed Elisa hanno risposto con grande generosità e dedizione. Mengoni si è trovato davanti alla difficoltà di dover doppiare Simba in due momenti molto specifici: il ragazzotto che vive all’insegna dell’Hakuna Matata e poi l’adulto che prende coscienza del proprio ruolo all’interno del cerchio della vita.
«Una volta capito il passaggio, Marco ha chiesto di rifare gran parte delle scene che aveva già doppiato, affrontandole alla luce della nuova consapevolezza. Lavorare con lui ed Elisa, due cantanti, è stato molto stimolante: il loro approccio era prettamente musicale. Loro sentivano delle note all’interno delle battute e riproponevano quelle stesse note in italiano. Il mio lavoro di direttrice è stato far capire loro che le note dell’inglese non sempre vanno bene per la recitazione italiana, e in quei casi occorreva trovare soluzioni che, pur discostandosi dai suoni originali, restituissero il valore emotivo delle battute».

Ma nel live action de “Il Re Leone” non ci sono solo Marco Mengoni ed Elisa.
Il ruolo di Rafiki, ad esempio, è stato affidato a Toni Garrani, attore di lungo corso che, abbiamo scoperto parlando con Fiamma, conosce molto bene lo Swahili e che quindi ha potuto interpretare anche le battute nella lingua africana presenti nel copione.
Stefano Fresi ha doppiato Pumbaa. Oltre a essere un bravissimo attore, Fresi ama molto il doppiaggio.
«Ha messo anima e corpo nel lavoro. Per lui era un sogno poter dare la voce a un personaggio disneyano. Oltretutto, è un cantante straordinario: la sua difficoltà più grande è stata stonare per rendere buffa l’esecuzione di “Hakuna Matata”».
Prima che il film esca nelle sale di tutto il mondo (e qui sfatiamo un altro mito: non è vero che si doppia solo in Italia! Ci sono almeno altri venticinque paesi in tutto il mondo nei quali i prodotti audiovisivi sono localizzati tramite il doppiaggio), viene effettuato un controllo ad opera di supervisori preposti dalla distribuzione americana, e più di una volta è capitato che, a film finito, questo o quel ruolo dovessero essere rifatti perché, in ultima istanza, il supervisore non era soddisfatto della voce scelta.
La stessa Fiamma è sempre molto critica circa il proprio lavoro.
«Vado sempre a vedere un paio di volte i film che dirigo. La prima volta da pura spettatrice, e cerco di godermeli per quello che sono. La seconda volta vado a caccia degli errori. In questo caso specifico, è stato bello perché ho dimenticato tutto: non sentivo più Marco Mengoni, Elisa, Edoardo Leo, Massimo Popolizio, Luca Ward o Emiliano Coltorti. Ognuno di loro era entrato perfettamente nel corpo dei rispettivi personaggi».
Resta una diffusa perplessità circa l’utilità effettiva di questi remake in live action di grandi classici dell’animazione: perché rifare qualcosa che non solo è stato già fatto, ma che ha segnato la storia del cinema?

«Sono approcci diversi», ci dice Fiamma. «I film originali sono dei capolavori immortali, ma hanno un linguaggio narrativo figlio della loro epoca, qualcosa con cui il pubblico dei giovanissimi di oggi potrebbe faticare a entrare in sintonia. Il senso artistico di questi live action è proprio quello di riproporre delle storie e dei personaggi così importanti in una chiave che sia più immediata per le nuove generazioni. Senza voler annullare i grandi capolavori dai quali sono tratti, ma anzi, magari invogliando i più giovani a riscoprire quelle storie».
Fiamma Izzo ci ha regalato uno spaccato molto chiaro di che cosa significhi lavorare su prodotti di questa importanza. È un lavoro del quale si sa poco o nulla ma del quale si parla sempre di più.
Il gusto personale del pubblico è e resta un valore fondamentale, su questo non ci piove, ma mettiamola così: questa nostra chiacchierata privilegiata con Fiamma non vuole spegnere le numerose voci di corridoio che circolano su “Il Re Leone” o sul doppiaggio in generale. Speriamo solo di aver reso quelle voci un po’ più informate, perché un film può piacere o non piacere, un doppiatore può piacere o non piacere, un talent può piacere o non piacere, ma lasciate che ve lo dica: molte delle critiche più feroci, certe volte, lasciano davvero senza niente da dire.

 

----------------------------------------------------------

 

"Fiamma aveva già lavorato con Marco Mengoni nel film “Lorax”, per cui quando è stata valutata la possibilità di coinvolgerlo, lei ha “appoggiato la mozione” con entusiasmo."

partyclap2clap2clap2

" Ah ... anche poeta ! "

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
77
24 agosto, 2019 - 11:53
sp_Permalink sp_Print

grimilde

" Ah ... anche poeta ! "

Signorina Silvani

Utente 5xP
Utente
Forum Posts: 5274
Member Since:
1 maggio, 2016
sp_UserOnlineSmall Online
78
25 agosto, 2019 - 11:37
sp_Permalink sp_Print

11 milioni di euro in quattro giorni in pieno agosto...

grimilde

" Ah ... anche poeta ! "

Danieletw

Utente PLATINO
Utente
Forum Posts: 1267
Member Since:
20 maggio, 2018
sp_UserOfflineSmall Offline
79
25 agosto, 2019 - 12:49
sp_Permalink sp_Print

Visto ieri sera. A me il doppiaggio che ha convinto meno è stato proprio quello di Simba piccolo. 😅

Mirton

Fan di Jessica Morlacchi (TeQ9)
Utente
Forum Posts: 11823
Member Since:
10 agosto, 2016
sp_UserOfflineSmall Offline
80
26 agosto, 2019 - 8:12
sp_Permalink sp_Print

A me il film ha deluso un pochino ban

In primis per i motivi già espressi da @ouro e @smiley .

Poi non ha aggiunto assolutamente NULLA al classico animato (e no,

le accennate pulsioni erotiche di Scar per Sarabi e la rivalità tra Shenzi e Nala sono inezie inutili

), laddove invece tutti gli altri remake in live-action avevano apportato qualche cambiamento alla trama che giustificasse l'operazione.

Tutto ciò che nel cartone animato era epico viene smorzato sotto questo punto di vista. Nel senso, non che alcune scene non siano epiche, ma lo sono molto meno rispetto all'originale. E con i mezzi di 25 anni dopo uno si aspetta che vi sia un aumento dell'epicità, non una diminuzione.

Quindi in sintesi rimango parzialmente deluso perché l'operazione mi sembra una mera occasione commerciale: non ha modificato nulla dell'originale, le scene più peculiari sono state eliminate, quelle più epiche danno meno brividi.

Quindi a cosa serve questo live-action? Sia chiaro, non è nemmeno lontanamente un brutto film e senza dubbio farà record su record, però MEH sadida

Forum Timezone: Europe/Rome

Most Users Ever Online: 2564

Currently Online: davenport70, EvilxElf, latinista93, ge_aldrig_upp, SabriS, Signorina Silvani, WParry, KassaD1, Shadow, Vesuvius21
127 Guest(s)

Currently Browsing this Page:
1 Guest(s)

Members Birthdays
sp_BirthdayIcon
Today: None
Upcoming: None

Top Posters:

Teolino: 22114

pesca: 19362

Olimpico85: 18189

xello: 16246

ouro: 14282

Newest Members:

enrico

Fosky

cyylyy1

Michela

Pietro

Forum Stats:

Groups: 6

Forums: 117

Topics: 14795

Posts: 765243

 

Member Stats:

Guest Posters: 6

Members: 15340

Moderators: 8

Admins: 4

Administrators: RealityHouse, Alex87, pazzoreality, mariomatt

Moderators: sadida83, EvilxElf, Fob92, BertoBarto, latinista93, amers, smiley, Capo Horn

    

Reality House non rappresenta una testata e non è affiliato né collegato ai produttori, reti e programmi televisivi che sono oggetto di discussione sulle sue pagine.

Tutti i marchi, loghi e immagini utilizzati su Reality House sono protetti da copyright dei rispettivi proprietari. Se ritieni che un contenuto debba essere rimosso, ti preghiamo di contattarci.

© 2004-2018 Reality House

Log in with your credentials

Forgot your details?