Please consider registering
Guest

Search

— Forum Scope —




— Match —





— Forum Options —





Minimum search word length is 3 characters - maximum search word length is 84 characters

Register Lost password?
sp_Feed sp_TopicIcon
The Lineup 2 - Vincitore a pag.34
Edre
Utente 2xP

Utenti +1
Forum Posts: 2820
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
641
28 aprile, 2021 - 19:26
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

ALABAMA MONROE

603fb4b29238c-bpfull.jpg

 

TEMA E NOME DEL CONCERTO

 

#keepunited

 

 Richiesti 8 artisti, più o meno noti, di qualsiasi nazionalità e di diversi generi, dal pop al rap fino all’r&b. I brani selezionati sono cantati in lingua inglese, per facilitare la comprensione a tutto il pubblico presente, e devono toccare temi che abbiano una particolare importanza sociale, come l’uguaglianza e le discriminazioni di ogni tipo.

 

SCOPO DEL CONCERTO

 

#keepunited vuole essere un evento organizzato per sensibilizzare le persone su certi temi sociali, portando sul palco brani motivazionali, con messaggi di speranza, libertà, solidarietà, unione e positività.
Il concerto nasce quindi per mostrare la sensibilità artistica dei cantanti, ma anche per intrattenere il pubblico, per questo motivo saranno presenti brani di vario tipo, dai più lenti e profondi ai più movimentati e leggeri.

 

TARGET DEL CONCERTO

 

Il concerto ha l’obiettivo di coinvolgere un pubblico per lo più giovane, proveniente da ogni parte del mondo e cultura e appartenente alla fascia di età che va dai 15 ai 30 anni, che partecipa sia perché interessato alle varie tematiche proposte, ma anche per divertirsi e vivere un momento di condivisione e unione.

 

LINEUP PROPOSTA

 

ZOE WEES con GIRLS LIKE US

MORGXN con WONDER

AARADHNA con BROWN GIRL

SHAMIR con RUNNING

HAIM con NOW I'M IN IT

LITTLE SIMZ con INTROVERT

LEADR con HI, I'M HUMAN

MARINA con PURGE THE POISON

 

 

@Alabama Monroe 

Edre
Utente 2xP

Utenti +1
Forum Posts: 2820
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
642
28 aprile, 2021 - 19:27
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

CRYS

6083df48f1968-bpfull.jpg

TEMA E NOME DEL CONCERTO DI FEBBRAIO

 

FESTIVAL ¡Viva España!

 

Per questo concerto, inserito in un Festival di Musica e Cultura organizzato dall’Ambasciata di Spagna in Italia insieme alla DoT e alla Rai, sono richiesti 8 brani di artisti spagnoli, di diversi generi, che portino nei suoni tradizione, modernità o entrambe. L’evento gratuito si svolgerà  all’interno dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, dove il palco principale servirà per le esibizioni dei cantanti con il supporto dei ballerini che li accompagneranno. Durante l’esecuzione dei brani sullo sfondo verrà proiettato di volta in volta un lyric video con le parole delle varie canzoni e la traduzione in italiano per le persone che non conoscono bene l’idioma.  Le esibizioni, essendo anche una serata che verrà trasmessa sul secondo canale della tv nazionale, saranno presentate dalla grande Raffaella Carrà, conosciuta proprio come una delle più grandi icone italiane in Spagna.

 

SCOPO DEL CONCERTO DI FEBBRAIO

 

Lo scopo del concerto è quello di far conoscere il variegato panorama musicale ispanico al pubblico italiano, dove la contaminazione tra classico e moderno riesce ad alimentare la scena musicale del Paese mettendo in luce quello che gli artisti più conosciuti  e non solo, sono in grado di proporre senza limitare l’ambiente musicale alle solite hit estive o Urban. Le canzoni sono state scelte in  modo che coinvolgano il pubblico non solo in momenti di gioia e spensieratezza, ma anche grazie alla teatralità tipica di alcune esibizioni, regalino momenti di emozione.

 

TARGET DEL CONCERTO DI FEBBRAIO

 

Il pubblico previsto per il concerto ¡Viva España! è compreso principalmente da persone tra i 20 e i 60 anni. Essendo inserito a chiusura di alcuni giorni di Festival Musica e Cultura, il concerto è dedicato sia a persone che già conoscono gli artisti e il mondo musicale da cui provengono, sia a persone interessate a scoprire nuova musica e nuovi interpreti provenienti dalla Spagna.

 

Auditorium Parco della Musica | #RomaCreArtigiana - i protagonisti

 

LINEUP PROPOSTA

 

GUERRICADELAFUENTE con AGUA Y MEZCAL

MANEL con TIPUS SUITE

DELAPORTE con SE VA

BAIUCA FT. RODRIGO CUEVAS con VELENO

LA BIEN QUERIDA con DINAMIDA (non disponibile su Spotify)

AMATRIA con UN AMOR

FUEL FANDANGO con DESPERTRARÉ

AMPARANOIA con EL DIA QUE NO

 

@CrYs 

Edre
Utente 2xP

Utenti +1
Forum Posts: 2820
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
643
28 aprile, 2021 - 19:27
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

KRISHOES

603982e5cc077-bpfull.jpg

 

TEMA E NOME DEL CONCERTO DI FEBBRAIO

 

EC8NOMUSIC

 

Per incentivare la ripresa economica e progettare la ripartenza post-Covid, il Ministero dell'Economia, in collaborazione con il Comune di Milano, organizza la convention internazionale Emerging Markets / Common Grounds.

L'Italia apre le porte a otto paesi del mondo - CileEgittoGiamaicaMalesiaPoloniaRomaniaSenegal e Vietnam - rappresentativi dei mercati in via di sviluppo con maggiori prospettive future, con l'obiettivo di investire in molteplici settori.

A chiudere la due giorni di incontri di natura socio-economica, un grande evento musicale e di spettacolo, curato dalle ambasciate delle rispettive nazioni in Italia, in stretto contatto con il Ministero degli Esteri, che andrà in scena dal futuristico MiCo - Milano Convention Centre, il centro congressi più grande d'Europa.

Richiesti 8 brani, cantati da artisti provenienti dai paesi invitati alla convention, senza limitazioni di lingua, genere o fama. Si presume che i brani selezionati siano in linea con le correnti musicali più in voga al momento nelle classifiche delle nazioni in oggetto e/o internazionali: pop, indie, urban. Ben accetti crossover con elementi di musica tradizionale e caratteristica.

Ogni performance sarà accompagnata da coreografie di danza moderna e contemporanea e suggestive animazioni proiettate su un ledwall alle spalle degli artisti, che rimandino ai luoghi chiave e alla cultura del paese che si sta esibendo sul palco, accompagnando gli ascoltatori in un coinvolgente viaggio.

 

SCOPO DEL CONCERTO DI FEBBRAIO

 

EC8NOMUSIC vuole porre l'attenzione su lingue e progetti musicali non considerati dai media italiani, di conseguenza non rappresentati nelle classifiche di vendita, con l'obiettivo di stimolare la curiosità dell'ascoltatore e spingerlo ad approfondire il paese preso in oggetto, a partire dalla scena musicale.

 

TARGET DEL CONCERTO DI FEBBRAIO

 

EC8NOMUSIC si propone di attirare un pubblico che va dai 18 ai 30 anni, dal diverso background e diverse conoscenze musicali. Spettatori molto curiosi, affascinati da idiomi e culture diverse, pronti ad uscire dalla propria comfort zone, fare spazio nelle proprie playlist e scegliere la meta del prossimo viaggio.

 

LINEUP PROPOSTA

 

HOÀNG THUY LINH con TỨ PHỦ

FELUKAH con MESH HASTANNA

AREK KŁUSOWSKI con ANTARKTYDA

SEVANA con MANGO

FELI con MA STRIGA MAMA

CAMILA MORENO con ES REAL

PASTE LITE con CITY LOVE

F.U.L.A. con SABAR

 

@Krishoes 

Edre
Utente 2xP

Utenti +1
Forum Posts: 2820
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
644
28 aprile, 2021 - 19:31
sp_Permalink sp_Print

Sono aperte le votazioni!

Come detto nell'ultimo post della pagina precedente, in cui è presente anche il meccanismo di voto, termineranno sabato 1/05 alle 21:00. I risultati arriveranno il giorno seguente.

___

Da questo momento, i tre finalisti potranno argomentare le loro scelte in topic e può partire la discussione con il pubblico e con la giuria. Potrete sia giudicare gli elaborati, sia porre domande ai finalisti sul loro lavoro per aiutarvi nella valutazione.

Fob92

Moderatore - Mentore

Moderatore
Forum Posts: 19126
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
645
28 aprile, 2021 - 20:27
sp_Permalink sp_Print

3 lineup, 24 canzoni e nemmeno un pezzo in italiano? Wow, ho davvero perso!

Krishoes
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9419
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
646
28 aprile, 2021 - 20:47
sp_Permalink sp_Print

Fob92 ha detto
3 lineup, 24 canzoni e nemmeno un pezzo in italiano? Wow, ho davvero perso!  

Non disperare Fob, almeno una la troverai, è nascosta ma c'è 👀

Fob92

Moderatore - Mentore

Moderatore
Forum Posts: 19126
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
647
28 aprile, 2021 - 21:20
sp_Permalink sp_Print

Krishoes ha detto

Non disperare Fob, almeno una la troverai, è nascosta ma c'è 👀  

Oddio l'ho trovato

giphy.gif

Casadelvino
Utente 7xP

Utenti +1
Forum Posts: 7551
Member Since:
5 febbraio, 2018
sp_UserOnlineSmall Online
648
28 aprile, 2021 - 21:32
sp_Permalink sp_Print

Fob92 ha detto
3 lineup, 24 canzoni e nemmeno un pezzo in italiano? Wow, ho davvero perso!

  

Giusta punizione per non aver votato il mio concerto total italiano scorso annoLaura Ravetto - Ultime notizie su Laura Ravetto - Argomenti del Sole 24 Ore

Casadelvino
Utente 7xP

Utenti +1
Forum Posts: 7551
Member Since:
5 febbraio, 2018
sp_UserOnlineSmall Online
649
29 aprile, 2021 - 0:02
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

Io parto con i primi tre dubbi su tutti i tre concerti, anche per vedere come mi risponderanno i finalisti.

@Alabama Monroe il tuo concerto mi sembra quello con un ottimo fil rouge di tematica e di stilistica tra i cantanti ingaggiati, lo trovo molto credibile, ma allo stesso tempo carente dal punto di vista del background come negli altri casi: location, messa in scena e background di nascita di questo concerto li trovi poco determinanti (quindi di per sè non cambierebbero il senso del concerto) oppure sapresti bene il dove e il come localizzare l'evento?
Inoltre, non credi che questo concerto possa essere sovrapposto al terzetto di concerti del percorso dedicati all'abbattimento degli stereotipi e alla missione sociale d'inclusione che l'azienda ha già finanziato?

@CrYs l'idea dietro al tuo concerto è molto interessante, dato anche uno stereotipo legato alla produzione musicale ispanica e ciò mi suscita un sentimento di rivincita che mi piace, però non riesco a non notare proprio come nella line-up un po' non figurino i generi più in voga dell'universo ispanico, come il pop più puro o l'urban/raggaeton, per l'intento di mostrare a 360° l'universo ispanico forse non sarebbe stato meglio inserire anche una componente più prevedibile oppure è una scelta voluta per mostrare tutte le facce più sconosciute?
Inoltre, qual è secondo te la forza del concerto che potrebbe davvero convincere un target così ampio (40 anni) e quindi convincere i ventenni e allo stesso tempo i sesantenni?

@Krishoes l'idea è molto forte e sicuramente quella che incuriosisce di più per la varietà di idiomi che si fondono insieme, però la scelta di un concerto con 8 paesi precisi il cui fil rouge di scelta può o non può essere tanto chiaro, non rischia di portare a delle domande come perchè questi 8? E sentire la mancanza di porzioni geografiche globali che mancano totalmente?
E stesso dubbio di Alabama, non pensi possa sovrapporsi molto al concerto già finanziato dalla dot del documentario, o nel tuo caso addirittura all'eurovision che va in onda in un periodo molto vicino e in quel dato periodo c'è anche la selezione del paese ospitante dell'evento che potrebbe fare da competitor?

Alby
Moderatore

Moderatore Junior
Forum Posts: 4681
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
650
29 aprile, 2021 - 9:59
sp_Permalink sp_Print

Mi appropinquo ad ascoltare jamming

Fob92

Moderatore - Mentore

Moderatore
Forum Posts: 19126
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
651
29 aprile, 2021 - 10:36
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

Bravo Casadelvino, hai sollevato alcuni dei miei stessi dubbi.

 

Non ho ancora ascoltato le Playlist ma, report alla mano, anche a me salta all'occhio la sovrapposizione del concerto di Alabama con DOTsmantle The Patriarchy (non un concerto, ma addirittura una trilogia di eventi). Poi, va beh, sono di parte ma non comprendo a fondo l'esigenza di portare brani esclusivamente in inglese: se si tratta di mostrare la sensibilità artistica, che ognuno lo faccia come meglio crede. Perfino a un evento mainstream come l'Eurovision è crollato il mito del "canto in inglese così mi capiscono tutti"; non vedo perché non debba accadere anche stavolta. L'imposizione dell'idioma credo possa essere davvero escludente, soprattutto nell'ottica di portare artisti che parlino di sé. Così facendo, hai praticamente escluso tutto il rap non anglofono. 

Di CrYs apprezzo moltissimo la vena nazionalpopolare dell'evento: l'Auditorium Parco della Musica, la trasmissione su Rai 2... Che però si scontra con una scaletta che, così a occhio, mi pare ben poco mainstream. Io un Álvaro Soler ce l'avrei buttato dentro. Invece non hai portato nemmeno un artista che abbia almeno 1 milione di ascoltatori. Potevi anche giocarti un feat., tipo Baby K feat. Andrés Dvicio: il brano è un po' stantio, è vero, ma sarebbe stato bello vedere sul palco sia Italia sia Spagna. Oppure potevi portare una Pausini, un Tiziano Ferro, con una bella canzone in spagnolo. Oppure, sai cosa? Potevi metterci direttamente Raffaella Carrà: conduttrice e cantante! 

La lineup di Krishoes mi sembra quella più composita e, confesso, interessante. Faccio però un po' fatica a trasportare questo report nella realtà: mi sembra quasi un evento privato o comunque per pochi ospiti selezionati. Il concerto, come dicevo, è molto trasversale ma il contesto no, affatto. Partecipare a questo evento significa anche sposare certe idee, essere vicini a certe tematiche. Insomma, chi ci verrebbe? I giovani, ok, ma - come scrivi - dovranno essere "molto curiosi". E attenti: coreografie, culture locali...la soglia dell'attenzione dovrà essere molto alta. Non vorrei che poi, alla fine, si presentassero solo studenti Erasmus e una ristretta cerchia di studenti universitari impegnati. In più, i maligni diranno che il Comune di Milano (città, tra l'altro, già di per sé fortemente cosmopolita) farebbe meglio a occuparsi dei propri artisti, delle proprie balere, delle proprie discoteche.

Va beh stamattina un po' cattivello. Giuro che dopo gli ascolti sarò più buono.

anigif_sub-buzz-1128-1527869129-2.gif?output-quality=auto&output-format=auto&downsize=360:*

CrYs
Utente PLATINO

Utente
Forum Posts: 1926
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
652
29 aprile, 2021 - 10:52
sp_Permalink sp_Print

Casadelvino ha detto

@CrYs l'idea dietro al tuo concerto è molto interessante, dato anche uno stereotipo legato alla produzione musicale ispanica e ciò mi suscita un sentimento di rivincita che mi piace, però non riesco a non notare proprio come nella line-up un po' non figurino i generi più in voga dell'universo ispanico, come il pop più puro o l'urban/raggaeton, per l'intento di mostrare a 360° l'universo ispanico forse non sarebbe stato meglio inserire anche una componente più prevedibile oppure è una scelta voluta per mostrare tutte le facce più sconosciute?
Inoltre, qual è secondo te la forza del concerto che potrebbe davvero convincere un target così ampio (40 anni) e quindi convincere i ventenni e allo stesso tempo i sesantenni?

Ciao @Casadelvino, per parlare di questo concerto devo partire dall'inizio, quando realmente non sapevo dove sbattere la testa. Inizialmente lo avevo costruito come un gemellaggio tra Italia e Spagna e nella Lineup figuravano 4 cantanti italiani e 4 cantanti spagnoli. Poi con il passare del tempo (che sicuramente non mi ha aiutato visto la mia continua ansia che mi fa cambiare idea ogni manciata di secondi e chi mi ha imparato a conoscere sa che è così) mi sono reso sempre più conto che in nessuna delle due mini Lineup mi ritrovavo. Con solo 4 canzoni non riuscivo a esperimere nulla, quindi ho deciso di proporre una Lineup quasi del tutto in spagnolo, tranne 2 episodi che ho voluto inserire proprio per omaggiare anche altri 2 idiomi che si possono ritrovare nel mercato musicale di questa terra, dando la precedenza a quello che è un lato del mercato sicuramente meno conosciuto a livello mondiale. Avrei potuto inserire un qualsiasi artista pop a partire da Manuel Carrasco, Nil Moliner, Pablo Alboran, Rozalén o Vanesa Martin, solo per citarne alcuni, fino a una Lola Indigo, Mala Rodríguez o Maikel Delacalle per la parte parte più urban/hip hop, ma non era questo il mondo musicale che volevo mostrare. Questo mondo è già molto conosciuto anche da noi, basti pensare che i dischi (parlo di supporto fisico) di Pablo Alboran sono venduti anche in Italia negli ormai pochi negozi di dischi esistenti, mentre Lola Indigo è una delle artiste spagnole più streammate grazie anche alle sue collaborazioni. Per questo Festival Musicale ho voluto portare diverse realtà, famose nel loro paese di origine ma poco conosciute o proprio sconosciute da noi proprio a dimostrazione che esistono altri mondi sonori legati alla musica e alla tradizione ispanica di cui non siamo a conoscenza. Anche i nuovi giovani come Guitarricadelafuente riescono, grazie alle loro radici, ad emozionare con il semplice suono della chitarra portando un flamenco classico ma bellissimo oppure Baiuca che dalla Galizia ci porta i suoni e le storie della sua terra contaminati dall'elettronica. In questa playlist ho cercato di dare più chiavi di lettura e di interesse proprio portando nomi più conosciuti come Amparanoia (chi ha la mia età o forse un po' di più li ricorderà insieme a Manu Chao in svariate occasioni), passando dai Fuel Fandango, una delle migliori band spagnole del momento, fino ad arrivare ai Delaporte, un duo che adoro, per metà è italiano, che riesce a mixare perfettamente classico e moderno. Ecco perché ho messo una fascia così ampia di età, perché la passione che esprimono le varie canzoni non hanno una vera e propria età anagrafica, la passione è di tutti, e può trasmetterla un ragazzo di 24 anni cantando una canzone classica oppure un duo di quarantenni che portano canzoni decisamente moderne. Ho creato questo festival perché avevo necessità di proporre qualcosa di nuovo rispetto alla musica che ascoltiamo sempre su RH, diciamo che con questo concerto ho dato modo anche di farmi conoscere un po' di più. Spero di essermi spiegato bene, non sono abituato a scrivere così tanto.

Avatar
Mavro
Utente 4xP

Utente
Forum Posts: 4123
Member Since:
7 aprile, 2014
sp_UserOnlineSmall Online
653
29 aprile, 2021 - 11:32
sp_Permalink sp_Print

Purtroppo non ho potuto più seguire e votare da pubblico ma ho cercato di recuperare quando potevo, auguro un grande in bocca al lupo ai tre finalisti e vinca il miglioreheart

Krishoes
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9419
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
654
29 aprile, 2021 - 11:41
sp_Permalink sp_Print

Casadelvino ha detto
@Krishoes l'idea è molto forte e sicuramente quella che incuriosisce di più per la varietà di idiomi che si fondono insieme, però la scelta di un concerto con 8 paesi precisi il cui fil rouge di scelta può o non può essere tanto chiaro, non rischia di portare a delle domande come perchè questi 8?

Grazie per il feedback innanzituttoheart

Sì, ho previsto che la domanda sul "perché questi 8?" potesse nascere. Parto dal presupposto che ho subito pensato a questo tipo di concerto, che partisse da un background "economico", coinvolgendo i paesi in via di sviluppo, per dar loro modo di mostrarsi anche sotto un piano diverso, musicale per l'appunto.

Partendo con le mie ricerche mi sono reso conto che il concerto, se avessi dovuto seguire la mia unica fonte iniziale, sarebbe stato molto "settoriale" e decisamente random, perché guardando i paesi con il tasso maggiore di crescita negli ultimi due anni, tra i primi 11 figuravano ben 7 paesi asiatici.

Avessi seguito quella scia, avrei dovuto presentare un concerto con 5-6 proposte provenienti dall'Asia, più una dall'Africa e una dell'Europa. Non mi convinceva.

E sentire la mancanza di porzioni geografiche globali che mancano totalmente?

Ho quindi ritenuto opportuno basarmi su varie fonti per rendere la mia line-up più inclusiva e variegata.

Ho letto vari articoli su siti economici e di finanza, che riportavano dati diversi fra loro perché alcuni si basavano sui settori chiave dell'economia, altri sulle migliori occasioni di investimento, altri sul turismo, altri sulle conseguenze a breve termine mediate con gli effetti del Covid.

Ho inoltre valutato l'elenco dei paesi in base al tasso di crescita del PIL e analizzato le prospettive economiche mondiali su dati del fondo monetario internazionale di gennaio ed aprile 2021.

Tutto questo per arrivare a una lista di paesi da invitare credibile per la convention da me ideata e una lineup che comprendesse più parti del mondo possibile.

Ho anche considerato di inserire un paese oceanico al di fuori di Australia e Nuova Zelanda (che essendo paesi già industrializzati e sviluppati non avrei potuto includere nella convention sui mercati emergenti) ma ad essere onesti, nazioni come le Samoa, le Fiji o la Papua Nuova Guinea, sono ben lontani dal raggiungere lo status di altri che ambiscono già a quel "salto" che ci si aspetta.

Alla fine sono arrivato alle mie otto scelte, basandomi appunto sui dati, e ritengo di essere stato abbastanza variegato nell'inserire due paesi europei, due africani, due asiatici e due americani.

E stesso dubbio di Alabama, non pensi possa sovrapporsi molto al concerto già finanziato dalla dot del documentario

Sì, ho valutato anche questo aspetto e ritengo sia un dubbio comprensibile. Con questo appunto mi dai modo di spiegare perché ho scelto proprio questo tipo di concerto.

Quando ci trovammo a lavorare per il Pale Blue DOT, tutti (o quasi) pensarono che fosse il concerto perfetto per me. E invece, nonostante un ottimo piazzamento con la giuria, finii al ballottaggio. Fu per me una sconfitta perché ritenevo di dover brillare proprio in quel contesto, più di altri.

EC8NOMUSIC nasce proprio dal senso di rivalsa per quel risultato.

Arrivato con mia grande sorpresa alla finale di questo gioco, ho voluto presentare un progetto fortemente personale che fosse lo specchio di me stesso come ascoltatore e avesse il marchio che mi rende riconoscibile come utente sul forum.

Tanti qui su RH mi riconoscono come l'organizzatore dell'Earthvision, un gioco che tanti di voi amano e attendono anno dopo anno, e che ho voluto portare sul forum perché la mia passione per la musica dai paesi più disparati del mondo e nelle lingue più variegate possibili è forte e tangibile.

Le mie playlist sono piene zeppe di canzoni di questo tipo e, nel mio piccolissimo, tento di farle conoscere agli altri, facendole ascoltare dove lavoro a colleghi e clienti, ad esempio.

Detto questo, per EC8NOMUSIC ho voluto porre una sfida a me stesso, senza utilizzare scorciatoie di alcun tipo: nella mia playlist non dovevano esserci canzoni che già conoscevo.

Non avevo ascoltato nessuna di queste canzoni prima di sceglierle per la lineup, non erano presenti nelle mie playlist e non le ho "incontrate" nei contest ai quali partecipo.

Era giusto che venissero fuori da una ricerca approfondita e oculata fatta appositamente per la finale del contest e non avete idea della miriade di canzoni ascoltate in questi giorni. A un certo punto mi sono maledetto perché andare a spulciare le scene musicali di svariati paesi nel tentativo di tirare fuori qualche perla è estenuante.

Oggi sono SATURO ma felice di farvi ascoltare queste otto.

---

E visto che giochiamo a fare i dipendenti di questa fighissima agenzia di live, ti dico: proprio grazie al successo di critica del brillante documentario Pale Blue, la DOT ha acquisito la credibilità che ha spinto ministeri, ambasciate e comune di Milano ad ingaggiarci per la messa a punto di questo evento di spettacolo legato a una convention molto rinomata a livello nazionale e internazionale.

o nel tuo caso addirittura all'eurovision che va in onda in un periodo molto vicino

La sovrapposizione con l'Eurovision non è stata contemplata perché oltre a tenersi a tre mesi di distanza da EC8NOMUSIC, in un altro paese (altra questione sarebbe se a ospitarlo fosse l'Italia, but this doesn't make sense with my fantasy), si tratta di due progetti diversi.

L'Eurovision è un programma televisivo internazionale di intrattenimento, diretto a decine di target diversi, con una sua lunga storia, che sì, ha una componente di pubblico dal vivo, ma in gran parte formato da fervidi appassionati del contest e/o locals.

Si basa, inoltre, sui paesi europei, e nonostante questo bisogna riconoscere che viene sempre meno la componente caratteristica delle nazioni, basti pensare che nell'edizione di quest'anno ben 30 paesi su 39 cantano in inglese.

EC8NOMUSIC è un concerto live, legato alla convention economica ospitata dall'Italia a Milano, che non viene trasmesso in tv (a meno che Sky, Rai, Amazon o Netflix vogliano comprare i diritti, siamo pronti a contrattare!).

Sarà tuttavia promosso online, e dai media che parleranno della convention, e dal comune di Milano con banner sparsi nei punti chiave della città.

È un evento sì, dal tocco internazionale, ma diretto principalmente (se non esclusivamente) al pubblico italiano. Lo scopo, infatti, è quello di far conoscere a un pubblico italiano lingue e/o sonorità, non considerate da media e classifiche nostrane.

Ci si aspetta quindi che il pubblico presente sia in gran parte, se non totalmente, proveniente da Milano, paesi limitrofi, o altre regioni. Non si esclude ovviamente la presenza di persone che arriveranno in città appositamente per l'evento, magari spinte da nomi di richiamo nei paesi ospitati.

e in quel dato periodo c'è anche la selezione del paese ospitante dell'evento che potrebbe fare da competitor?  

Sanremo è il festival della canzone italiana, anche questo un programma televisivo con la sua lunga storia. I presupposti e lo sviluppo di EC8NOMUSIC non hanno punti d'incontro con il festival in Riviera.

Plasma
Utente PLATINO

Utente
Forum Posts: 1754
Member Since:
8 febbraio, 2020
sp_UserOnlineSmall Online
655
29 aprile, 2021 - 12:57
sp_Permalink sp_Print

Trovo estremamente interessante lo sviluppo di questi tre progetti, a partire dal fatto che all'interno delle stesse lineup ci siano generi e frequenze differenti, e questo è un po' il punto di unione tra le tre (il mio concerto si sarebbe invece prefigurato in un genere identificante sviluppato in diversi idiomi e/o ubicazioni, ma trovo entrambe le scelte non scevre di spunti di interesse).

Le mie domande, anche per non ripetere quelle già poste, sono invece volte ad un fattore più soggettivo. C'è un motivo per cui le canzoni sono state smistate così all'interno della lineup (chessò, criterio geografico, alternanza di generi, per dare un taglio eterogeneo, o anche semplicemente per un vostro sentire, una vostra sensibilità)? E quale ritenete sia - se c'è - la canzone più rappresentativa della vostra ottina, quella che a fine concerto riproporreste per un eventuale secondo ascolto, posto che si presuppone siano sono tutte buone scelte e funzionali allo scopo prefissato? 

Juventino95
Caserta

Game Ranking Winner 2018/2019

Utenti +1
Forum Posts: 10315
Member Since:
4 marzo, 2015
sp_UserOfflineSmall Offline
656
29 aprile, 2021 - 13:02
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

Anche io mi accingo ad ascoltare tutti e 3 i concerti e a giudicarvi ma sulla carta due mi sembrano un passo avanti rispetto ad un altro

k-pop judging you GIF

Krishoes
Utente 9xP

Utente
Forum Posts: 9419
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOnlineSmall Online
657
29 aprile, 2021 - 13:17
sp_Permalink sp_Print sp_EditHistory

Fob92 ha detto
La lineup di Krishoes mi sembra quella più composita e, confesso, interessante. Faccio però un po' fatica a trasportare questo report nella realtà: mi sembra quasi un evento privato o comunque per pochi ospiti selezionati.

Mi rendo conto che il progetto possa sembrare "elitario" perché il background della convention può farlo avvertire, appunto, come un evento dal pubblico selezionato, ma ritengo di essere riuscito con la composizione della lineup, che spazia fra i generi, a renderlo eterogeneo e inclusivo.

Il concerto, come dicevo, è molto trasversale ma il contesto no, affatto. Partecipare a questo evento significa anche sposare certe idee, essere vicini a certe tematiche. Insomma, chi ci verrebbe?

Nel progettare la lineup mi sono trasportato in una realtà (mi auguro molto prossima) in cui finalmente siamo riusciti a superare la pandemia e questo si porrebbe idealmente come il primo evento musicale di ampio respiro della città di Milano, organizzato dopo mesi di chiusure e assenza di musica live, questo sicuramente spingerebbe moltissime persone ad accorrere all'evento anche solo per la grandissima voglia di tornare ad assistere a un concerto dal vivo con una forte componente di spettacolo.

Ritengo quindi che acchiappare i casuals sarebbe una vittoria per l'organizzazione. A loro si aggiungerebbe ovviamente il target più "peculiare" descritto nel report, che vuole puntare anche a una sorta di 'esotismo', se vogliamo.

I giovani, ok, ma - come scrivi - dovranno essere "molto curiosi". E attenti: coreografie, culture locali...la soglia dell'attenzione dovrà essere molto alta. Non vorrei che poi, alla fine, si presentassero solo studenti Erasmus e una ristretta cerchia di studenti universitari impegnati.

Nel pensare al pubblico che potrebbe essere attratto da questo concerto sono partito da me stesso, per poi guardarmi "attorno".

Il punto di partenza è stato proprio il forum, con l'entusiasmo che ogni anno c'è per l'Earthvision, ma che vedo in altri contest virtuali organizzati sulla stessa falsariga, che è lo stesso di tanti commentatori che sui social ormai non si perdono un passo dell'Eurovision, anche nei mesi che ci avvicinano all'evento. Persone sì, giovani, ma di età e generazioni diverse, con provenienze, background e gusti diversi.

Potremmo sembrare una minoranza, una nicchia, ma ritengo che in realtà esponenzialmente ci siano tantissimi altri ragazzi sparsi in Italia ad avere quella fame di conoscenza del mondo e della musica che ci circonda, e di cui non ci accorgiamo, che potrebbero vedere in questo evento un'occasione ghiotta, da non perdere. 

Ammetto inoltre di essere stato influenzato da TikTok, un social che, da spettatore, ormai visito quotidianamente. Mi rendo conto che grazie a quell'app molti brani, provenienti da paesi e cantati in idiomi reputati lontani anni luce dai nostri, riescono a farsi strada grazie al tam tam e al passaparola, e a diventare virali, cantati e ballati da moltissimi giovani e meno giovani italiani (e non).

Infatti una campagna promozionale per EC8NOMUSIC che preveda anche l'utilizzo di TikTok, e social affini, è da tenere assolutamente in considerazione.

Un altro esempio è il grande boom degli ultimi anni del k-pop. Credo che i ragazzi dai 18 ai 30 anni vedano ormai la musica in maniera diversa da come la si vedeva qualche tempo fa, in cui oltre all'Italia probabilmente venivano presi in considerazione solo il Regno Unito e gli Stati Uniti.

Questo mostra che alla fine non ci sono ostacoli, bisogna solo creare le piattaforme giuste per certi progetti, la predisposizione c'è, e ritengo che fra qualche anno il mondo della musica sarà diverso da quello di adesso, e variegatissimo da tutti i punti di vista, perché non ci sono più età, lingue o generi che tengano.

E mi dirai: "Tutto bello ma ti basi sul virtuale, non sul reale". Sarò ottimista o visionario ma ritengo che di persone in carne ed ossa disposte a spendere il denaro e a spostarsi per questo tipo di concerto ce ne siano. È un target che va stanato, stupito e tirato fuori, ma che esiste, è reale. E se fra loro ci saranno anche studenti Erasmus e universitari impegnati (non sono stato né l'uno, purtroppo, né l'altro ma sarei corso a questo concerto), ben venga.

Coreografie e grafiche ad accompagnare che rimandino alle culture sono parte dell'aspetto spettacolare del concerto, che senza di queste mi sarebbe sembrato spoglio e troppo low profile. Sono convinto però che già le canzoni da sole riescano a tenere alta l'attenzione e a coinvolgere lo spettatore, senza richiedere uno sforzo d'attenzione eccessivo.

In più, i maligni diranno che il Comune di Milano (città, tra l'altro, già di per sé fortemente cosmopolita) farebbe meglio a occuparsi dei propri artisti, delle proprie balere, delle proprie discoteche.

Milano, come giustamente dici, è una città fortemente cosmopolita, da svariati lustri, una location di richiamo per moltissimi eventi dal sapore internazionale, che si tratti di musica o di moda. Proprio per questo è stata scelta come sede della convention e del concerto, che farebbe battere cassa proprio al comune, tra gli altri enti.

Provo a comprendere la posizione dei maligni, ma la globalizzazione è un processo inarrestabile. Li inviterei comunque a venire ad assistere al concerto perché si esibisce anche F.U.L.A., un giovane artista italo-senegalese classe '93 di Milano, esponente della rigogliosa e dinamica scena urban della città. Assistere allo spettacolo significa, quindi, sostenere anche un artista della città.

Ho voluto anche lui nella lineup, in chiusura, proprio a sottolineare il legame con la città che ospita EC8NOMUSIC, e la dimostrazione che si può veicolare l'amore per le proprie origini, tradizioni e suoni, anche tramite la lingua italiana.

CrYs
Utente PLATINO

Utente
Forum Posts: 1926
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
658
29 aprile, 2021 - 14:40
sp_Permalink sp_Print

Fob92 ha detto

Di CrYs apprezzo moltissimo la vena nazionalpopolare dell'evento: l'Auditorium Parco della Musica, la trasmissione su Rai 2... Che però si scontra con una scaletta che, così a occhio, mi pare ben poco mainstream. Io un Álvaro Soler ce l'avrei buttato dentro. Invece non hai portato nemmeno un artista che abbia almeno 1 milione di ascoltatori. Potevi anche giocarti un feat., tipo Baby K feat. Andrés Dvicio: il brano è un po' stantio, è vero, ma sarebbe stato bello vedere sul palco sia Italia sia Spagna. Oppure potevi portare una Pausini, un Tiziano Ferro, con una bella canzone in spagnolo. Oppure, sai cosa? Potevi metterci direttamente Raffaella Carrà: conduttrice e cantante! 

Ciao @Fob92, come avrai letto nella risposta che ho dato a Casadelvino, questo progetto era iniziato come uno scambio, avevo progettato 4 cantanti spagnoli in Italia e 4 cantanti italiani in Spagna. Ad un certo punto del percorso però mi sono reso conto che però per quello che volevo dimostrare di un paese che amo infinitamente, 4 canzoni messe lì non avevano poi così tanto senso. Quindi in corso d'opera ho stravolto tutto, ho tolto gli artisti che avevo pensato per l'Italia con cui mi sarei trovato a fare scelte gigione che non mi appartengono e ho completamente stravolto tutta la Lineup, anche quella spagnola. Avrei potuto fare un bellissimo spettacolo nazional popolare utilizzando Laura Pausini, Tiziano Ferro, Eros Ramazzotti, Marco Mengoni e Alessandra Amoroso, giusto per fare i nomi più recenti del pop nostrano che hanno pubblicato dischi anche in terra ispanica o come ho detto a Casa avrei potuto portare un qualsiasi Pablo Alboran, Nil Moliner, Malú o Mónica Naranjo, grandissime popstar spagnole da milioni di copie, ma tutto questo non era quello che volevo. Sono andato a costruire una Lineup che racconta quello che voglio, tra passione, emozione e gioia. Sono partito dal passato, dalla mia passione per questo luogo di cui mi sono innamorato la prima volta a 18 anni e precisamente li è stato amore a prima vista con Barcellona, sono partito dalla mia sconfinata collezione di oltre 3000 cd (ovviamente non tutti spagnoli) per andare a riascoltare e riscoprire i suoni. Da Amparanoia in poi è stato un costruire questa scaletta per come volevo io farvi conoscere la Spagna. Anche qui spero di essermi spiegato al meglio...laugh

CrYs
Utente PLATINO

Utente
Forum Posts: 1926
Member Since:
7 agosto, 2013
sp_UserOfflineSmall Offline
659
29 aprile, 2021 - 15:24
sp_Permalink sp_Print

Plasma ha detto
Trovo estremamente interessante lo sviluppo di questi tre progetti, a partire dal fatto che all'interno delle stesse lineup ci siano generi e frequenze differenti, e questo è un po' il punto di unione tra le tre (il mio concerto si sarebbe invece prefigurato in un genere identificante sviluppato in diversi idiomi e/o ubicazioni, ma trovo entrambe le scelte non scevre di spunti di interesse).

Le mie domande, anche per non ripetere quelle già poste, sono invece volte ad un fattore più soggettivo. C'è un motivo per cui le canzoni sono state smistate così all'interno della lineup (chessò, criterio geografico, alternanza di generi, per dare un taglio eterogeneo, o anche semplicemente per un vostro sentire, una vostra sensibilità)? E quale ritenete sia - se c'è - la canzone più rappresentativa della vostra ottina, quella che a fine concerto riproporreste per un eventuale secondo ascolto, posto che si presuppone siano sono tutte buone scelte e funzionali allo scopo prefissato?   

Caro il mio @Plasma tu ormai hai imparato a conoscermi e sai quanto il mio essere ansioso corre di pari passo con le mie emozioni... lol

Quindi si ho costruito la mia Lineup con criterio, cercando di alternare i vari tipi di canzoni ma comunque seguendo il cuore come ho fatto con tutto il percorso a The Lineup. Per quanto riguarda una canzone in particolare più rappresentativa non credo ci sia, perché tutte chi per una cosa e chi per un'altra mi trasmettono qualcosa. Perché dirti che amo la canzone dei Delaporte quando inizia con quella chitarra latineggiante che passa per il flamenco per poi andare a scontrarsi con quel muro elettronico sarebbe riduttivo. Come riduttivo è dirti che adoro la canzone degli Amparanoia che ho messo in chiusura del concerto, una canzone con un messaggio chiaro e diretto, non lasciar passare il tempo senza fare niente, senza reagire o costruire, questo tempo non te lo restituirà nessuno, tutto questo suonato con quella musica da festa che ricorda a tratti il centro america e a tratti la musica balcanica e il mondo gypsy a me fa morire. Oppure per citare un'ultima canzone ti parlerei della pelle d'oca che a me fa venire La Bien Querida, con questa sua canzone intima e poetica allo stesso tempo, che mi prende dentro ogni volta che l'ascolto. Quindi dopo tutto ti dirò che non c'è una canzone in particolare che rappresenta tutto questo concerto, posso solo dire che farei ricominciare tutto dall'inizio come un continuo repeat.

edorf
Utente 4xP

Utenti +1
Forum Posts: 4651
Member Since:
5 aprile, 2018
sp_UserOfflineSmall Offline
660
29 aprile, 2021 - 16:19
sp_Permalink sp_Print

CrYs ha detto
 passando dai Fuel Fandango, una delle migliori band spagnole del momento

Già... che con l'ultimo CD "Origen" hanno debuttato in cima alle classifiche spagnole dopo che il sottoscritto li portò due edizioni fa all'EV con "Toda La Vida".

Io mi commuovo per le mie innate capacità di talent scoutpiango2

In serata, cerco di leggere ed ascoltare tutti i vari concerti.

In bocca al lupo a tutticlap2

Forum Timezone: Europe/Rome

Most Users Ever Online: 2564

Currently Online: EvilxElf, alessandrino, Latinista, terry91, JoJo, Asp, Krishoes, Mavro, mattodie, Mirton, Targaryen, Casadelvino, anto1994, Plasma, kisses83, lukeyyy, blk88
234 Guest(s)

Currently Browsing this Page:
1 Guest(s)

Members Birthdays
sp_BirthdayIcon
Today: None
Upcoming: None

Top Posters:

Olimpico85: 29723

pesca: 25861

pazzoreality: 24093

Teolino: 22630

xello: 22086

Newest Members:

Cube2

Forza e coraggio

Thammymat Kangnam

Sunny Online

Apillzonline

Forum Stats:

Groups: 6

Forums: 149

Topics: 20672

Posts: 1084714

 

Member Stats:

Guest Posters: 7

Members: 18180

Moderators: 9

Admins: 3

Administrators: RealityHouse, Alex87, mariomatt

Moderators: sadida83, EvilxElf, Fob92, BertoBarto, Latinista, Alby, amers, monechiapi, Capo Horn

    

Reality House non rappresenta una testata e non è affiliato né collegato ai produttori, reti e programmi televisivi che sono oggetto di discussione sulle sue pagine.

Tutti i marchi, loghi e immagini utilizzati su Reality House sono protetti da copyright dei rispettivi proprietari. Se ritieni che un contenuto debba essere rimosso, ti preghiamo di contattarci.

© 2004-2020 Reality House

Log in with your credentials

or    

Forgot your details?

Create Account